Aumentare la portata del WiFi con un’antenna fai da te

La connessione WiFi per sua natura fa fatica a coprire zone ampie con il proprio segnale: se vi interessa capire come fare per aumentare la portata del segnale WiFi e magari spendendo poco siete capitati nel posto giusto!

skype-wifi-hero1

Ripetitore di segnale WiFi

La maniera migliore ovviamente è quella di aggiungere dei ripetitori di segnale WiFi nei punti dove il segnale inizia ad indebolirsi ma questo comporta una spesa discreta e poi presenta un problema: il ripetitore va alimentato quindi vi dovreste piazzare in casa uno scatolotto munito di antenne con un bel filo che va ad una presa elettrica.

Se in alcuni casi questo tipo di soluzione è accettabile, in molti altri casi non lo è.

Dove e come mettere l’antenna

Spesso capita che il Router WiFi sia in un angolo della casa (ma se fosse anche al centro di una parete di confine della casa il discorso sarebbe identico) e quindi irraggi casa vostra e poi disperda il segnale anche fuori dalle vostre mura.

Questo è un caso tipico nel quale la soluzione del ripetitore WiFi sarebbe costosa, brutta ed efficace solo al costo di un notevole spreco.

In questo caso è opportuno direzionare l’emissione del segnale principalmente verso l’interno di casa vostra. Per farlo esistono in commercio delle antenne direzionali (più o meno direzionali a seconda di quanto concentrino le emissioni) ma, oltre a non essere economiche, richiedono che il vostro Router WiFi abbia l’antenna scollegabile in modo da poterci attaccare un cavo e una nuova antenna direzionale.

Crearsi una parabola in casa

Tutto questo vanifica l’economicità della soluzione e quindi io suggerisco un altro sistema: costruirsi una piccola parabola da applicare direttamente sull’antenna del vostro Router WiFi.

Non spaventatevi: questa operazione non richiede calcoli matematici, materiali super tecnologici strumenti sopraffini e capacità elevate

Vi servono pochi oggetti e quasi sicuramente li avete già tutti in casa!

  1. Una stampante
  2. Cartoncino
  3. Carta stagnola (oppure unendo questi due ingredienti un cartoncino già rivestito in metallo)
  4. Un paio di forbici

template per parabola

Per costruirla dovrete stampare il template che vedete qui, usarlo per sagomare il cartoncino al quale incollerete la carta stagnola, unire anche la parte anteriore preparata con i buchi adatti alla vostra antenna e il gioco è fatto!

Se volete qualche dettaglio in più su Napoli Wireless ne troverete. Ci sono anche indicazioni su alcune varianti tipo usare una lattina di birra invece che il cartoncino stagnato e usare un foglio di lucido da proiezione per la parte anteriore (una elegante raffinatezza).

antenna lattina

Una volta realizzata la mini parabola piazzatela sulla antenna e direzionatela verso la zona da coprire.

Considerazioni

Una mini parabola fatta in questo modo non è perfetta ma questo, più che un difetto, è un vantaggio.

Se fosse perfetta renderebbe l’emissione del vostro Router WiFi troppo direzionale e quindi rischiereste di perdere delle zone della casa che prima erano coperte dal segnale. In realtà le zone vicine al Router WiFi ma fuori dal raggio della mini parabola continueranno ad essere coperte: magari con un segnale inferiore a prima ma coperte.

Nel caso (sfortunato) il vostro Router WiFi sia quasi al centro della casa ma una zona risulti coperta male potreste comunque usare una mini parabola di questo tipo magari un po’ più piccola. Sia per il motivo che vi ho spiegato sopra che per il fatto che è più piccola e quindi non ingloba tutta la vostra antenna dovreste evitare di perdere copertura verso il retro dell’antenna, nel contempo, riuscirete a guadagnare un po’ di segnale nella direzione voluta.

Se poi il Router WiFi è sotto il tetto e dovete illuminare la casa sottostante con il segnale tanto meglio: in questo caso puntate la mini parabola verso il pavimento! Non è un caso assurdo: chi ha EOLO potrebbe non riuscire a farsi portare il cavo che proviene dalla antenna piazzata sul tetto fino dentro casa e quindi dovrebbe fermarsi nel sottotetto.

Anche non avendo EOLO ma ipotizzando una futura connessione internet WiMax la situazione è tristemente invariata visto che le frequenze in assegnazione in questi giorni sono simili alle Hiperlan2 e quindi vi trovereste a dover piazzare comunque una antenna WiMax sul tetto :(

Più semplicemente potreste voler coprire un piano e il sottostante e, in questo caso, dovreste mettere il Router WiFi molto in alto (sul soffitto è l’ideale) e puntare in basso la mini parabola.

(Progetto originario in inglese su Freeantennas)

2
2

5
2
2

26 thoughts on “Aumentare la portata del WiFi con un’antenna fai da te

  1. mi sono costruito una antenna che ha dello speciale poiche’ e’ a captazione mista conico-parabolica e nel fuoco della parabola ho piazzato la mia chiavetta wind da 10,2 mega , le barre di ricezione sono sei mentre nella stanza ne rilevo normalmente quattro……pare che funzioni…ciao

  2. Salve,gradirei sapere se qualcuno se ne intende, come posso fare a risolvere il seguente problema: il mio nootebook (nuovo) configurato con la mia rete wii fii,non mi si connette con il mio modem,mentre se provo a casa di un amico mi si connette regolarmente, cosa puo’ essere?
    Grazie per aver risposto saluti Salvatore

  3. salve a tutti, non avendo linea telefonica in casa, non ho neanche internet e quindi mi allaccio furtivamente ad una linea non protetta che gira qui intorno, ma ha un segnale molto basso. la mia domanda, mi posso creare una antenna per ricevere il segnale più forte?

  4. io ho sviluppato questo progetto per il mio midland g7 xt, sulla frequenza lpd (prossima alla pmr) ,, 433.1 Mhz, i risulati non sono stati eccezionali, ci sono stati miglioramenti ma non posso dire con certezza di aver ottenuto i 4 dB di guadagno sperati (lunghezza riflettore 22cm);
    In pratica la mia radio pare non avere per niente direzionalità.
    Se qualcuno ha fatto la mia stessa prova è pregato di lasciare un contributo.
    La prossima volta cercherò di usare una lamieretta piuttosto che la carta di allumino.
    saluti a tutti

  5. non perdere tempo con antenne calcolate cartonicino stagnola etc etc

    prendi del ferro filato fai 5 spire su ogni antenna del ruder alle due estremità lasci 20 cm a 90° ti raccomando su tette e due perchè una riceve l’altra trasmette
    – ferro filato 20cm almeno!
    @ –
    -@ –
    -@—————————) direzione segnale radio
    -@-
    -@ –
    – –
    – ferro filato almeno 20cm

    le chiocciole sono le spire sul antenna del ruter
    per renderti meglio conto guarda questo link: “http://spazioinwind.libero.it/elettroidee/foto/pmr0.jpg” era fatto per apparecchietti pmr un po piu bassi di frequenza a 446mhz 67cm di onda noi siamo a 2400mhz quindi 20cm di onda!
    da Matteo
    -

  6. forbici? cartone? carta stagnola? ma cos’è? non siamo micca ad art attack,
    roba da bambini non perdete nemmeno tempo a farla perchè tanto non risolvi nulla
    molto meglio l’illuminatore a barattolo collegato a una parabola per tv

  7. Sono un’antennista oltre che installare reti dati, se vi interessa tratto tutto materiale antennistico, apmli etc.
    Con una buona antenna ovviamente “calcolata” si arriva a guadagnare anche 20db in ricezzione… cio significa che capterete un segnale da da 12km di distanza dalla vostra stazione…

    Per eventuali contatti freeonly@libero.it
    ciao elvi

  8. Ho lo stesso problema di Loredano, ho un segnale debole che voglio amplificare . Chi tramette arriva a casa mia con poco segnale e mi chiedevo se io a casa ia potevo mettere un’antenna per catturare quel poco segnale e amplificarlo.
    Essendo ignorante chiedo gentilmente se si può fare e che tipo di antenna mi consigliate,
    Grazie , Luca

  9. Ciao a tutti
    avrei un consiglio da chiedervi a proposito di antenne :
    quando vado in vacanze , l’hotel vicino a me ha la rete wifi
    il direttore , me la lascierebbe usare liberamente , ma il segnale che
    arriva da me e’ insufficiente ( -89 db ), che antenna posso fare per ricevere piu’
    segnale , posso autocostruirmi ” qualcosa ”

    grazie per l’aiuto

    Loredano

  10. X Leonardo: ti rispondo io velocemente sperando che anche Alberto, che è l’esperto del settore, possa essere più esauriente. Va benissimo un access-point che è appunto il congegno più appropriato per trasmettere la connessione via etere. Sinceramente non so consigliarti nè marca nè modello, ma se la distanza da coprire non è molta, credo che un qualsiasi access-point vada bene.

  11. Buongiorno a tutti voi,
    ho una domanda, io vivo per questioni di lavoro, in Birmania, qui la tecnologia e’ solo un lontano ricordo ma, nonostante le infinite difficolta’ sono riuscito ad avere una connessione vdsl nel mio appartamento.
    Ora il problema e’ che la compagnia mi ha installato un router Zyxcel al quale posso attaccare 4 pc ma io vorrei anche connettermi utilizzando il mio portatile attraverso il wireless.
    Cosa posso fare, tenendo presente che non conosco e non posso modificare l’IP impostato sul router.
    Pensavo ad un access point ma non ho esperienza in materia cosa mi suggerite?
    Grazie per l’aiuto in anticipo

    Leonardo

  12. salve atutti…mi presento con una bellissima domanda da ignorante….della serie il buongiorno si vede dal mattino!qualcuno di voi luminari è a conoscenza della possibilità o meno di installare due router sulla stessa linea telefonica?
    sono già in possesso di un router 3Com WiFi, ma la mia casa è disposta su 2 piani, quindi molti punti del piano in cui non vi è il router sono scoperti IRRIMEDAIBILMENTE!!!c’è soluzione?

  13. ricordo che modificare apparati wi-fi omologati, cambiare antenne es. direttive,parabole ecc. che alterano le caratteristiche tecniche,se non in possesso di adeguate autorizzazioni é reato penale punibile con sanzioni, sequestri…
    per maggiori informazioni basta visitare il sito del ministero delle comunicazioni,normativa ecc
    questo vale pure per i pmr (vietati ai minori di anni 14)

  14. La potenza emessa resta invariata, viene però concentrata.
    Significa che se ti metti davanti alla parabolina ricevi più onde radio di quante ne avresti ricevute se non avessi messo la parabolina.
    A conti fatti però le emissioni elettromagnetiche di un WiFi potenziato in questo modo restano sempre abbondantemente inferiori a quelle di un normale telefono cordless.
    Non voglio neppure mettermi poi a fare paragoni con le onde elettromagnetiche assorbite durante una manciata di secondi di conversazione al cellulare.
    In pratica, quindi, stai pure tranquillo: se proprio vuoi farti del bene riduci il tempo che passi col cellullare attaccato alla testa ;)

  15. @disordinementale: credo che la potenza del segnale rimanga sempre quella. L’unico cambiamento che fai è quello di direzionare il segnale che prima magari si disperdeva contro a un muro essendo omnidirezionale. Ma aspettiamo una risposta da Alberto che è l’esperto del settore ;-)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.