Halloween per Android: i miglior wallpaper, temi e giochi gratis

android-halloween-evidence

La notte più spaventosa dell’anno si avvicina: festeggiala con l’Android Halloween Pack!

Moonlight Spirits. Nightmare. (Gratis)

Un ottimo live wallpaper raffigurante una luna piena avvolta da nubi e tenebre.

Moonlight Spirits offre una buona personalizzazione anche per l’utente più esigente:

  •  Nuvole animate, su due layers diversi, con la possibilità di impostarne il framerate per ciascuno di essi;
  •  8 schemi di colore tra cui scegliere, per adattare lo sfondo al proprio launcher;
  •  18 suoni attivabili tramite un tocco sul wallpaper. È disponibile anche una modalità di riproduzione casuale.

Lo sfondo resta molto fluido anche sui dispositivi più datati ed è adatto anche agli schermi più piccoli, come quelli LDPI o MDPI, inoltre secondo lo sviluppatore il live wallpaper dovrebbe essere particolarmente parsimonioso anche nelle richieste energetiche.

Halloween Horror Night LWP (Gratis)

Un misterioso cimitero popolato da zucche, scheletri e pipistrelli.

Lo sfondo è interattivo: con un tap su di esso, o effettuando lo scrolling tra le schermate, uno stormo di pipistrelli si leva dalle nebbie e un fulmine squarcia il cielo.

Graficamente molto leggero, Horror Night non influisce particolarmente sulle prestazioni del dispositivo.

GO Launcher EX Theme Halloween (Gratis)

Per poter utilizzare questi temi dovete aver installato Go Launcher EX (Gratis) sul vostro Android.

GO Launcher EX Theme Halloween è un pacchetto ben realizzato sotto vari punti di vista:

  • Wallpaper: il tema include 8 sfondi selezionabili dal menù “GO Wallpaper”
  • Icone: graficamente accattivanti quelle della schermata home. Le applicazioni di sistema hanno un’icona appositamente personalizzata mentre le icone delle restanti app, come ad esempio Twitter, vengono posizionate su un pattern color zucca ricoperto da una sottile ragnatela. Il tutto crea un effetto ordinato.
  • App drawer: le tre schede dell’app drawer hanno una loro icona personalizzata e la dock bar raffigura un piccolo cimitero molto dettagliato, segno che è stata posta molta attenzione nella realizzazione del tema.

Halloween Night Go Launcher EX (Gratis)

Halloween Night è un simpatico tema che trasformerà lo schermo del vostro device in un piccolo camposanto:

  • Icone: le icone di sistema saranno sostituite da piccole lapidi in stile cartoon. Ottimo l’effetto complessivo anche sulle altre icone, che restano ben definite e visibili.
  • App drawer: icone personalizzate, dallo stile in linea con quello delle lapidi.
  • Wallpaper:  il tema include solo un wallpaper, che però è ben realizzato.

Doctor Bubble Halloween (Gratis)

Questo gioco è un remake in tema Halloween del famoso Puzzle Bobble, al quale però aggiunge alcune piccole novità nel gameplay:

  • Due modalità di gioco:
    • Challenge”, basata su livelli;
    • Survival”, nella quale il gioco va avanti ad oltranza. Questa modalità è sbloccabile solo dopo aver raggiunto il livello 10 in modalità Challenge.
  • All’inizio di ogni partita è possibile selezionare il livello di difficoltà:
    • Classic: classico gameplay di Puzzle Bobble;
    • Extreme: aggiunge potenziamenti ed oggetti speciali alla modalità classica, rendendo il gioco più movimentato.

Il design dell’app è accattivante ed il gameplay è scorrevole anche sui dispositivi meno potenti.

Week in App #4: Le migliori App Della Settimana

Week-in-App2.png

foto Week In App #1: le migliori App della settimana

Oggi e venerdì e puntualmente arriva Week in App  la nostra rubrica che raccoglie tutte le migliori applicazioni per iOS selezionate durante la settimana!

Actions (0,89€)

L’utilizzo dell’iPad come strumento in mobilità è ormai evidente a tutti: lettura, divertimento, produttività sono attività quotidiane che questo strumento, ci permette di svolgere con facilità, pur avendo i suoi limiti. Anche in ambito domestico il tablet in generale è uno strumento interessante, tuttavia la sua utilità diminuisce nel momento in cui viene affiancato ad uno strumento più versatile e potente come un computer desktop o un portatile. Tempo fa vi avevamo presentato HoverBar, un ottimo prodotto Twelve South che permette di integrare il tablet Apple con la propria scrivania e/o computer, al fine di godere di una posizione privilegiata per il suo utilizzo. Insieme all’Hoverbar vi abbiamo suggerito alcune applicazioni come: Air Display o Touchpad che mostravano l’utilità di uno strumento come l’iPad anche in questo contesto.

Oggi vi presentiamo un’applicazione che si unisce alla schiera di quelle sopracitate: Actions è un tool che permette di trasformare il vostro iPad in una tastiera personalizzabile dedicata a specifiche applicazioni. Potrete utilizzare ques’tapplicazione per definire scorciatoie da tastiera altrimenti scomode con un semplice tocco, inoltre sarete in grado di personalizzare l’utilizzo di moltissime applicazioni desktop.

L’applicazione permette di organizzare le nostre azioni preferite in set e subset così da manetenerle organizzate; permette una personalizzazione anche grafica che non è un aspetto secondario in quanto permette un utilizzo rapido dello strumento. Per cambiare rapidamente set potete utilizzare lo scorrimento multigesture, ed indirizzarlo ad applicazioni specifiche.

Per utlizzare action dovrete installare l’applicazione server con cui si connette al vostro PC o Mac ed iniziare ad impostare i vostri tasti personalizzati.

Sono presenti anche dei set predefiniti per applicazioni comuni come:

  • iTunes
  • Chrome
  • iCal
  • Evernote
  • Word
  • WMP
  • PowerPoint

2012 10 26 01 37 142012 10 26 01 37 402012 10 26 01 37 30

Scarica Actions

Miso (gratis)

Esistono moltissimi social network su iOS ognuno dedicato ad una particolare nicchia di utenti ed alla loro passione. Miso è il social newtwork dei film e delle serie tv. L’applicazione si interfaccia con Facebook e Twitter, ed è possibile condividere automaticamente gli episodi che si stanno guardando. E’ pervisto un sistema di networking interno basato su follower/following esattamente come con Twitter, like e commenti sono invece uno strumento dedicato ai singoli contenuti.

Ecco alcuni strumenti interessanti che Miso mette a disposizione:

  • Badges: l’utente viene “premiato” per la sua attività sul network tramite dei badge che ne descrivono le preferenze in fatto di serie tv;
  • Ricerca: la ricerca rende Miso un ottimo servizio per scoprire nuove serie tv e film. La comunità condivide con insistenza informazioni riguardo alle serie più in voga, ma potrete scoprire anche shows di nicchia che altrimenti andrebbero perduti.
  • SideShow: sono schede di approfondimento su ogni singolo episodio dei nostri serial preferiti. Queste raccolte di fotografie, citazioni, e spunti di discussione, possono essere create dagli utenti; nel caso di commenti è evidenziato anche il momento esatto dell’episodio in cui viene mostrata.

Sia per i film che per gli shows è prevista una sinossi, nel secondo caso di ogni singolo episodio.

NewImageNewImage

Scarica Miso

Prismatic (gratis)

Quasi ogni settimana troviamo un’applicazione che cerca di rivoluzionare il sistema di diffusione delle news, il motivo è che la situazione attuale di internet e la sua destrutturazione in applicazioni porta ad aumentare sempre di più il livello di dettaglio, cercando di cucire le applicazioni addosso agli utenti. Prismatic è uno strumento informativo, un luogo di condivisione e un filtro funzionale per web e social network.

L’applicazione recupera i vostri interessi analizzando le keyword presenti nella vostra attività sociale, Twitter, Facebook e Goolge+. Tutti e tre i social network ricoprono un ruolo importante nella vostra dimensione online, ognuno con le sue peculiarità, quindi non vengono lasciati fuori in questo contesto dove si cerca di individuare la vostra identità tramite gli interessi che avete.

L’app è un layout estremamente semplice, funzionale soprattuto per i mancini secondo me. Le azioni principali su un articolo riguardano la condivisione, la posposizione in una lista di lettura offline, ed il suggerimento all’interno della stessa applicazione che quindi estende gli stream dei maggiori social creando un canale privilegiato tra gli utenti al suo interno. Un po’ come tenta di fare anche zite, senza però consentire all’utente di selezionare le sue fonti così nel dettaglio.

Un’ultimo aspetto molto interessante riguarda la presentazione degli articoli, che vengono riportati interamente nell’applicazione e all’interno di essi è possibile vedere alcuni tweet rilevanti riguardo all’articolo o all’argomento, riportati dai nostri contatti. Personalmente milgiorerei questa funzionalità insernedo tali tweet sul fondo del post in modo da non distrarre il lettore, tuttavia rimane un ottimo esempio per estendere la portata del singolo post e mostrarne l’impatto sui social media.

2012 10 26 13 18 502012 10 26 13 27 402012 10 26 13 27 422012 10 26 13 27 46

Scarica Prismatic

Dooo (0,89€)

Dooo è un’applicazione per la nostra produttività che semplifica il sistema di todo listing dividendolo in due:

  • cose da fare oggi;
  • con non finite;

L’app ha un layout minimale, è molto semplice sia nella grafica che nell’utilizzo, tuttavia rimane uno strumento potente per prendere note in velocità.

Possiamo utilizzare DOOO per segnarci diverse tipolgie di appunto:

  • Note
  • Note Vocali: registrandoli direttamente dall’applicazione
  • Immagini
  • Disegni: attraverso l’editor interno
  • Geotag: è possibile memorizzare una posizione all’itenro della nostra list

Dopo 24 ore dall’inserimento del task questo passerà automaricamente dal lato Unsolved, nel caso non sia stato completato.

2012 10 26 14 09 562012 10 26 14 10 252012 10 26 14 10 492012 10 26 14 11 25

Scarica DOOO

Stereomood (free)

Ascoltare musica con l’iPhone è una delle attività che preferisco.  In questo settore ci sono moltissime applicazioni che permettono di elevare la nostra esperienza di ascolto, mostrandoci aspetti che altrimenti faremmo fatica a ritrovare tutti insieme in un solo luogo. Una di queste è sicuramente Stereomood, applicazione dell’omonimo servizio web, che permette di ascoltare musica in base al proprio umore.

Il funzionamento è molto semplice: sono disponibili diverse playlist che pubblicano la musica indipendente inviata direttamente dagli artisti e da community o blog. Questo sistema permette di mantenere l’applicazione completamente gratuita come anche la musica al suo interno dando anche la possibilità di registrarla. Inoltre per chi utilizza l’app dall’iPad è possibile accedere anche a tutte le informazioni relative all’artista.

La sezione myMood è quella sicuramente più importante, potrete infatti creare una vostra libreria basata sull’umore che ogni playlist vi ispira, inoltre taggando ogni singola traccia aiuterete il sistema ad individuare il sentimento che una determinata canzone vi scaturisce.

Un servizio molto interessante che spesso mi accompagna durante la stesura di articoli e le molte attività al computer. Da provare!

NewImageNewImageNewImage

Scarica Stereomood

Anche la top 5 di questa settimana è conclusa, speriamo abbiate gradito le applicazioni che vi abbiamo presentato e nel caso abbiate dei suggerimenti non esistate a contattarci su TwitterFacebook o direttamente Riccardo, il curatore di questa top 5 settimanale!

Domande, segnalazioni o richieste sono bene accette anche nei commenti!

Alla prossima settimana!

Facebook sul Nasdaq: un grande flop?

Facebook Finance

Il 4 febbraio 2004 Mark Zuckerberg assieme a Andrew McCollum e Eduardo Saverin fonda “The Facebook”.

Da allora, in soli otto anni, Facebook è cresciuto fino alla attuale cifra di oltre 845 milioni di utenti attivi mensilmente.

Venerdì 18 maggio 2012 il grande giorno: il debutto di Facebook a Wall Street. In pieno stile Zuckerberg si è vista un IPO (Initial Public Offering) senza precedenti per un’azienda high-tech, seconda solo a Visa, di 38 dollari per un volume di 421,2 milioni di azioni.

Alle 15:35 (ora italiana) Zuckerberg suona la campanella che segna l’avvio di Wall Street a New York.



Peccato però che l’avvio delle contrattazioni del titolo Facebook(con sigla “fb”) sia avvenuto con mezz’ora di ritardo rispetto all’orario prestabilito (ndr. ore 17:00 italiane) per problemi tecnici con gli «opening print», con i trader in difficoltà nel cambiare o annullare ordini.

Nonostante ciò nei primi 30 secondi di contrattazioni sono passati di mano oltre 82 milioni di pezzi che hanno portato il titolo oltre quota 44,5 dollari ad azione con un rialzo potenziale intorno al 18%.

L’euforia del lancio è durata poco nonostante il debutto del titolo a 42,38 dollari, infatti è restato stazionario sulla soglia psicologica dei 40 dollari per circa 11 minuti, fino a quando Bloomberg, nota televisione americana a sfondo prettamente economico, ha reso noto l’arrivo di una class action di 15 miliardi di dollari da una corte federale di San Jose in California.

La causa unisce 21 azioni legali e fa riferimento al ‘Us Wiretap Act’, che regola le comunicazioni elettroniche, per definire il risarcimento che ogni utente dovrebbe teoricamente ricevere da Facebook per il reato di violazione della privacy. L’ammontare degli indennizzi previsti dalla legge sono superiori a 100 dollari per violazione al giorno, una cifra che però lievita nel caso di Facebook fino a 10.000 dollari.

La notizia ha fatto letteralmente crollare la quotazione fino al prezzo di apertura di 38 dollari.

A fine giornata, in definitiva, il titolo ha chiuso a 38,23 dollari, per un incremento percentuale dello 0,61% rispetto all’IPO di partenza raccogliendo poco più di 16 miliardi di dollari.

Alla chiusura della prima seduta il valore di Facebook si attesta a quota 104 miliardi di dollari. Cifra pari a 26 volte i ricavi previsti per quest’anno e 107 volte gli utili, contro i 14 per Apple e i 19 per Google. Questo a fronte di un primo trimestre che ha visto registrare un calo del 6% nel fatturato (1,06 miliardi di dollari) e che ora come ora rende parecchio difficile centrare il target di 7 miliardi di dollari di ricavi per l’intero 2012. Ma chissà cosa escogiterà Zuckerberg per non deludere i suoi investitori. Tutti si aspettano fonti diverse di guadagno, magari più redditizie e sicure, visto che attualmente l’85% delle entrate si basa sulla pubblicità.

Giornata poco rosea non solo per le tensioni che hanno caratterizzato il lancio di Facebook ma anche per gli altri social network e i relativi partner della piattaforma sociale:

  • Linkedin Corporation chiude con -5,65%
  • Yelp con -12,36%
  • Zynga con -13,42%
  • Groupon con -6,69%

Con la capitalizzazione Zuckerberg mantiene il controllo della società, passando dal 70% al 57,5% dei diritti di voto; ma la vera curiosità riguarda Bono, cantante degli U2, che nel 2009 aveva acquistato il 2,3% di Facebook per 90 milioni di dollari: una partecipazione che con l’ipo è salita a 1,5 miliardi di dollari, diventando la più ricca rockstar del mondo, superando Paul McCartney.

Come reagirà il mercato nei prossimi giorni?