on Blogging

David Airey pubblica il suo tema per WordPress

David Airey, un famoso blogger e soprattutto logo/identity designer ha pubblicato il precedente design del suo sito come tema di WordPress liberamente scaricabile da chiunque.

Airey ha assoldato Randa Clay, un designer e sviluppatore che opera su WordPress perchè normalizzasse il suo codice e lo aggiornasse in modo da renderlo pubblicabile. Le ultime notizie che giungono dal sistema di tracking segnalano che il tema è in stand by in attesa di essere approvato e inserito nella Directory dei Temi di WordPress. Nel frattempo, il tema battezzato “David Airey 1.0″, può essere scaricato e provato tramite la demo direttamente dal blog di Airey.

Airey scrive (e recentemente ha pubblicato un libro) su Logo Design Love, e più recentemente è diventato l’editor di Identity Designed. Puoi seguirlo su Twitter all’indirizzo @davidairey.

Il processo di ripristino di vecchi design e la loro pubblicazione è una pratica comune. Questa usanza è di certo gradita ai molti che possono riutilizzare codice già scritto, idee consolidate per svilupparne altre. Tutto questo va ad arricchire le risorse a disposizione della community e in particolare della Directory dei Temi di WordPress.

scrivi un commento

Commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  1. Ciao, perdonate l’intrusione.

    Offerta di lavoro per web designer o web master

    Mi serve un web designer – o webmaster o come diavolo si dice. Mi serve uno con le palle. Uno che mi sappia disegnare una home page che si carica in un millisecondo e dietro un blog da paura. Uno che viaggia forte su WordPress, widgets, feeds e che smanetta sui codici come un pianista.

    Parliamoci chiaro, per fare un bel blog ci vogliono venti minuti, per quello che voglio io due settimane. Quanti venti minuti ci sono in due settimane? Chiaro? C’e’ da sbattersi.

    E non me ne frega un cazzo dei titoli di quella sottospecie di sistema educativo che ci e’ toccato. Voglio uno che trova la soluzione a tutto quello che gli chiedo di fare, non un fighetto che mi dice: “Questo non lo so fare.., questo non si puo’ fare…” Ecco, se pensi di venire qui per dirmi cosi’, allora non venire perche’, stanne certo, ti chiedero’ di fare cose che non hai mai fatto. Se pensi di rispondere all’annuncio tipo: “Mi scusi, dov’e’ la sede di lavoro?” vai affanculo subito, non rompermi i coglioni.

    Mi serve un cane sciolto, cazzuto, anche minorenne, non m’importa. Due settimane, senza pause.

    Vitto, alloggio e quattro biglietti da 500 sull’unghia a lavoro finito.

    Non sono una ditta o una qualche azienda, sono uno che vuole un fottuto sito in due settimane e pago per averlo. Punto.

    dolly.webreb@gmail.com