on Browser

Download Google Chrome per Linux e Mac OSX

Ieri mi è arrivata un’email da Google che mi annunciava la pubblicazione di Google Chrome per Linux e per Mac OS X.

dlpage_linux

Se siete curiosi, andate subito sulla pagina del

Ecco il testo dell’email:

La versione beta di Google Chrome per Linux è pronta! Grazie ai numerosi sviluppatori di Chromium e WebKit che hanno contribuito a rendere Google Chrome un browser stabile e veloce. Alcune statistiche interessanti direttamente dal team di Google Chrome:

60.000 righe di codice compilate per Linux
23 build per sviluppatori
2713 bug corretti per Linux
12 committer esterni e bug editor per la compilazione della base di codice di Google Chrome per Linux; 48 contributori esterni.

Interessante, no? Per il momento quello che possiamo installare è solamente una versione beta, quindi potrebbero esserci ancora bug non corretti. A quanto sembra, la versione per Mac è orrenda con un’interfaccia ereditata da Windows. Probabilmente sarà solo una questione di tempo.

Dai commenti che ho potuto leggere la sua caratteristica principale, la velocità, viene mantenuta anche sulla distribuzione per linux e mac e continua ad essere molto piu veloce di Firefox nel rendering delle pagine e nell’apertura.

Se abbinerà anche un’ottima estendibilità con i plugin si candida ad essere il numero uno nel mercato dei browser. E’ destinato a sostituire Firefox su tutte le distro. Anche se, dalle prime anteprime, la beta di Firefox 3.5 ha fornito prestazioni incoraggianti dal punto di vista della velocità. La sfida è aperta!

scrivi un commento

Commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

  1. Ho scaricato google chrome, ma non vuole installarsi, dipende forse dalla mia versione di linux: Linpus Linux Lite v.1.0.9.E…. arrivata a questo punto cosa posso fare per poter avere google chrome???

  2. Bè, dire che l’interfaccia per Mac sia orrenda mi pare esagerato… è peggio, purtroppo, quella su Linux, che si presenta per default con il bottoncino di chiusura con la “X” à la Vista/Seven. Tutto sommato, su Mac rispetta lo styling generale, su Linux invece bisogna “chiederglielo”.