on ADSL

EOLO: test in condizioni difficili

EOLO

Avevo già parlato di EOLO, la connessione senza fili di NGI in quanto la considero una soluzione buona in diverse situazioni. Lo avevo fatto "sulla carta", non avevo in realtà provato di persona questo sistema per collegarsi ad internet: ora l’ho provato!

Inizialmente avevo pensato di non scrivere di questo primo test in quanto si tratta di un installazione in una situazione limite e quindi con risultati ben al di sotto delle potenzialità di EOLO.

Invece quanto posso dirvi proprio rispetto ad una condizione particolarmente difficile è molto utile per i tanti che potranno trovarsi a dover scegliere se richiedere o meno questo tipo di connessione internet!

Attualmente EOLO sta coprendo molte zone della provincia di Varese e limitrofe e anche nel novarese accomunate dalla scarsa o assente copertura della ADSL classica via cavo. Partendo da una situazione di questo tipo anche una connessione traballante (come vi dirò in seguito) come quella che ho provato è, sia dal punto di vista della spesa, che della qualità più che buona per chi la raffronta con un modem 56k!

Una delle delle richieste inderogabili di EOLO è che ci sia visibilità ottica della antenna che da la connessione (la BTS) e io ho una montagna in mezzo che mi impedisce la vista!

Se avete tempo e voglia in questo post nella sezione dedicata ad EOLO del forum di NGI mi hanno suggerito una interessante lettura (in inglese) che, riassunta brutalmente, afferma che in alcuni casi si riesce a collegarsi anche senza vedere la BTS.

Quello che normalmente si fa è di puntare la propria antenna verso la BTS ma, nel caso non si veda, può succedere che si possa agganciare il segnale su un riflesso captato puntando l’antenna non direttamente verso la BTS: è quello che ho fatto. Nella foto potete vedere una uggiosa giornata sul lago Maggiore: la nebbia fitta è quanto di peggio ci possa essere per disturbare il collegamento, anche la pioggia fitta da fastidio. Il pallino rosso è dove, all’incirca, si trova l’antenna. Invece che agganciare un segnale riflesso di quella antenna ho trovato il segnale di una antenna che viene data con un raggio di copertura molto minore, 18 Km e io sono a 30Km!

In questa condizione ho ottenuto due tacche di segnale (in condizioni normali tre tacche sarebbero il minimo per essere certi di avere una linea perfetta sempre) che però, alle volte, svaniscono per poco. La connesione quindi cade diverse volte all’ora e si ricollega subito. Qualche dato tecnico su questo test lo trovate qui e qui: li ho salvati proprio mentre facevo i test usando EOLO come connessione 🙂

Se la si paragona ad un modem analogico non è molto diversa in quanto a stabilità ma la banda disponibile è immensamente superiore. La qualità quando è connessa è buona se raffrontata ad una ADSL di qualità nonostante soffra di ritardi causati dalla situazione difficile.

Una prova significativa è quella di telefonare tramite la connessione usando i VoIP: test eseguito e, quando la linea è connessa, la qualità della chiamata è indistinguibile da una effettuata tramite rete fissa (provider VoIP usato: Skypho, ATA: Fritz fon box wlan 7050). Quando è instabile, ma resta connessa, si perde qualche attimo di conversazione ogni manciata di secondi. Se cade la linea cade (ovviamente) anche la conversazione.

Quello che posso quindi concludere dopo questo primo test è che per avere una ottima linea EOLO ad un prezzo paragonabile ad una ADSL (a mio parete anche una buona adsl fatica ad essere buona come una linea EOLO ben messa) è meglio essere entro il raggio di copertura di almeno una BTS (o appena oltre) e bisogna vederla bene: niente montagne in mezzo ma neppure palazzi o grandi piante con foglie fitte.

Un utile servizio (a pagamento) è l’uscita preventiva del tecnico che verifica se il segnale sia sufficientemente buono: se non lo fosse avreste pagato solo l’uscita e non un anno di connessione inutilizzabile!

Nella sezione su Flickr che ho dedicato ad EOLO trovate anche altre foto tra le quali delle di un altra BTS in fase finale di installazione: appena parte quella BTS giro l’antenna, la linea diventerà super stabile e quindi tornerò a raccontavi di EOLO ma in quel caso leggerete delle meraviglie di una linea che ha poco a che spartire con una ADSL classica ed è molto più vicina alle costosissime SHDSL!

scrivi un commento

Commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

    Webmention

  1. AlBlog : Alberto Blog! Connettività, VoIP, P2P e…

    in questi giorni sono in ferie: io mi diletto a testare EOLO. EOLO è una connessione ad internet senza fili in standard HIPERLAN2 fornita da NGI, avevo scritto per DynamicK una presentazione e poi un primo test quando l’antenna non era ancora regolata bene. Ora sono riuscito a spremerne al massimo il tutto ed ottenere una regolazione accettabile: da tenere presente che il collegamento è con una BTS distante 30 Km e HIPERLAN2, in condizioni teoriche ed