on Google Earth, Google Maps, Microsoft

L’architettura è influenzata da Google Earth

vista dal satellite cambia l'architetturaUn interessante articolo apparso su La Repubblica spiega quanto i programmi come Google Earth, Microsoft Virtual Earth e i servizi web di simile funzione quali Google Maps o Local Live o Yahoo Maps stanno rivoluzionando l’architettura moderna.

In una città rinomata per i suoi panorami, quello che si gode dalla torre del De Young Museum consente di osservare una delle più radicali trasformazioni che stanno interessando il mondo dell’architettura: la crescente importanza dei tetti – e la prospettiva dall’alto che li mette in vista – nel design di edifici, quartieri e intere città. Grazie anche alla dilagante popolarità di Google Earth e di altri programmi web che offrono un modo nuovo d’interagire con l’ambiente cittadino, i tetti stanno perdendo sempre più la loro connotazione di angoli dimenticati del panorama urbano per assurgere al cuore stesso della pratica architettonica.

Gli architetti stanno ritrovando una dimensione persa perchè mai vista come ora. I programmi di vedute satellitari, ma anche i semplici rendering a volo d’uccello in fase di progetto stanno obbligando uno studio particolare anche per i tetti degli edifici.

E poi c’è Google Earth: utilizzando immagini scattate dai satelliti e foto aeree, il programma e la sua concorrenza, come Virtual Earth Microsoft e Live Local, hanno reso possibile un nuovo tipo di turismo architettonico, permettendo a chi naviga in Rete di zoomare sul mondo per osservare dall’alto come sono gli edifici di Santiago Calatrava o casa propria. "Vogliamo rendere democratico l’accesso ai panorami del luoghi nei quali la gente vive e lavora", dice John Hanke, direttore di Google Heart.

scrivi un commento

Commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  1. Dai sono sicuro che e’ una cosa divertente…io un paio di localita’ dovrei averle. Una e’ lo stabilimento della ford negli USA, appena trovo i link te li invio.
    come sempre complimenti per i tuoi lavori.
    Ciao,
    Emanuele