on ADSL

Migliori ADSL: una guida alla scelta


Quando si è alle prese con la scelta della connessione ADSL da acquistare conoscere la differenza tra una linea che utilizza il Wholesale di Telecom Italia e una che invece è in ULL è importante (wholesale e ULL sono due termini che descriveremo tra breve).

Idealmente, la soluzione più efficiente è quella di avere un unica rete di trasporto alla quale tutti gli ISP accedono acquistando ad un prezzo corretto. Sulla carta questo è molto simile al Wholesale di Telecom Italia ma nella pratica, purtroppo, non funziona come dovrebbe. Se volete approfondire le motivazioni di questa mia affermazione, non essendo argomento di quanto sto scrivendo ora, vi suggerisco di seguire quanto scrive Stefano Quintarelli al riguardo di One Network e bitstream access: le mie convinzioni al riguardo sono maturate proprio grazie a lui.

Definizione di ADSL Wholesale e ADSL in ULL

Una ADSL in wholesale (abbrevio in WS per comodità) è in parte o del tutto una linea Telecom rivenduta/rimarchiata dal ISP che ve la propone.
Una linea in ULL (Unbundling local loop) è invece quasi totalmente realizzata con infrastrutture proprietarie dell’ISP che ve la propone.

Differenze tra le linee ADSL

Prima di tutto bisogna saper identificare una ADSL in WS e una in ULL. Di solito chi vende una linea in ULL fornisce:

  1. velocità maggiori
  2. ad un costo più basso
  3. …e ricava margini di guadagno migliori (se riesce a raccogliere molti clienti.)

Quindi si ha tutto l’interesse a pubblicizzare bene il fatto. Di solito specificano “rete propria” ma spesso è facile accorgersene guardando prezzi e velocità. Se a pari prezzo forniscono due linee a velocità diversa la più veloce è in ULL.

I motivi per i quali una linea in WS è potenzialmente peggiore di una in ULL sono sostanzialmente due:

  1. il costo all’ingrosso che l’ISP deve sostenere
  2. e la dipendenza dal supporto tecnico di Telecom.

I costi del Wholesale sono pubblici (se volete vederli andate qui) e studiandoseli per bene si capisce che per fornire delle linee con una banda sufficientemente decorosa i costi per avere un VP (il VP è il primo tratto, quello relativo ai costi del WS) di dimensioni corrette sono molto vicini al costo al quale l’ISP vende la linea al pubblico. Da notare che a questi costi l’ISP deve aggiungere anche il trasporto verso l’internet vero e proprio (di solito la sua sede che poi è connessa ad internet ad alta capacità).
Il problema del supporto tecnico che citavo è importante. Quando si verifica un problema in una linea in WS ed è sulla tratta di competenza di Telecom (molto probabile per via di diversi fattori non tutti imputabili a colpe di Telecom) per risolverlo ci sono complicazioni. Voi chiamate il vostro ISP e loro devono chiamare Telecom. Oltre al passaggio intermedio che introduce ritardi c’è un evidente conflitto di interessi di Telecom: come devono fornire il supporto tecnico relativo alle linee che vendono direttamente e quello delle linee che rivendono? La risposta datevela voi.

Come funziona l’ULL

Il doppino telefonico che vi arriva in casa è di proprietà di Telecom e con l’ULL (accesso disaggregato all’ultimo miglio) l’ISP lo prende in affitto. Quando questo doppino arriva nella centrale (di centrali ce ne sono svariate migliaia e questo è un punto importante come spiegherò dopo) e viene collegato su apparati (DSLAM) di proprietà dell’ISP che li ha posizionati pagando un affitto per lo spazio occupato. I DSLAM dell’ISP devono essere collegati (in fibra ottica) alla propria dorsale in fibra ottica.
La banda disponibile è, per ragioni logiche ed economiche, molto ampia. Non è economicamente saggio posare fibre ottiche sottodimensionate per poi dover in seguito posarne altre.
L’ULL sembra essere perfetto e, dal punto di vista di chi acquista una ADSL in ULL, lo è.
L’inghippo sorge quando si guardano i costi e i ricavi degli ISP. Cablare una centrale in fibra ottica collegandola alla propria dorsale ha un costo non trascurabile ed è economico farlo solo se si pensa che i clienti che si riusciranno ad avere su quella centrale (mediamente una centrale copre una città, le città più grandi hanno più centrali) saranno parecchi e quindi abbastanza per ripagarsi l’investimento.
Questo è il motivo per il quale l’ULL è diffuso quasi esclusivamente nelle città grandi e medio grandi!

Provider ADSL in ULL

  • Alcuni ISP che offrono linee in ULL li ho citati qui.
  • Un altro è BT Italia (British Telecom ex Albacom) che è orientato verso le aziende.
  • C’è Infinito che rivende linee in WS BTItalia.
  • C’è anche Tele2 ma non è chiaro quale sia effettivamente la sua rete e la copertura che offre. Sul sito della casa madre descrive la copertura come propria/condivisa: altre informazioni non ne ho trovate.

Alcune precisazioni e postille

  • Nell’immaginario collettivo ULL è sinonimo di nuova linea telefonica oltre che ADSL. Con l’ULL un ISP ha mano libera sull’utilizzo del doppino. Da Telecom affitta il puro e nudo rame e paga, con il canone che versa, anche la manutenzione. Con questo cavo poi ci può fare quello che vuole. Alcuni lo propongono con fonia e dati, altri con solo dati e la fonia la offrono tramite VoIP, altri propongono solo dati. Volendo, sui doppini con tratta breve e  ben messi dal punto di vista della qualità fisica, potrebbero anche fornire connessioni vDSL da 50Mbit. Test con doppini lunghi poche centinaia di metri sono stati fatti e hanno funzionato.
  • Una via di mezzo interessante è SA (Shared Access: accesso condiviso): in questo caso l’ISP non noleggia l’intero doppino ma solo la parte (lo spettro di frequenze) della ADSL lasciando a Telecom la fonia. In questo caso il cliente resta legato a Telecom per la linea telefonica ma passa all’ISP per il trasporto dati.
  • Un caso a parte sono quegli ISP che offrono linee usando il Wholesale di altri operatori (no di Telecom): essendo realtà con un contatto molto più stretto con il loro fornitore vengono sostanzialmente meno sia i problemi di costi che di supporto tecnico. Non è quindi corretto che li identifichiate come ISP che rivendono ADSL altrui ma è giusto identificarli come se avessero una rete propria.

(fonte della foto in testa all’articolo: Flickr)

scrivi un commento

Commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

38 Commenti

  1. Cara Nina , e’ proprio cosi’ : linea dati! ormai molte grosse aziende sono passate a BT i motivi non li conosco pero’ mi interessano notizie circa il voip sulla linea dati BT !

  2. x sergio!!! …..cosa ti installeranno a breve??? … una linea dati BTalbacom????…………ti posso dare un sincero suggerimento?,secondo me avrai un bel pò di problemi con la tua linea voip!! se ti và di sapere qualche notizia scrivimi a ninascola@yahoo.it

  3. Bello,entusiasmante,esaustivo e’ una fortuna che sul web ci siano persone come te Alberto in primis e gli altri intervenuti per illuminare chi , come me, inizia ad interessarsi del voip.
    Se permetti Alberto ho una question da proporti
    mi installeranno a breve una linea dati di BTalbacom per collegarmi con il pc aziendale .
    la mia idea e’ quella di sfruttare la linea per telefonare con il voip .
    cosa mi mettera’ il tecnico per attivare la linea? e cosa devo fare e acquistare per telefonare in voip?
    ti ringrazio anticipatamente e ancora complimenti a tutti

  4. sto aspettando il passaggio da alice a libero ull .speriamo bene!! posso usare il modem di alice quello bianco , con le due antenne, il pirelli ? grazie per la collaborazione

  5. Confermo, Libero Flat si è dimostrata una scelta disastrosa: dopo 3 mesi la banda reale è 1 KB di media. ho contattato con raccomandata il Gestore delle Comunicazioni per dirimere la lite… Io abito in provincia di Teramo penso che la zona non contempli la gestione diretta da parte di ISP diversi da Tele”cozze” e che dovrò rassegnarmi. in precedenza disponevo di standard mini che andava lentamente rispetto alle velocità che dovrebbero essere rispettate,…. SCONDIGLIO VIVAMENTE INOSTRADA (la telecom ovviamente non ha interesse a risolvere il mio problema i cui dettagli possono essere verificati nei precedenti post).

  6. @enrico grazie per la segnalazione.
    Ci dici anche se sei coperto in ULL con libero? Per saperlo devi verificare se sei raggiunto dalla 20mbit.
    Nel caso tu non sia su una centrale ULL non mi meraviglio che tu abbia problemi 😉

  7. Ho provato libero flat ma e di una lentezza spaventosa dopo un sacco di lamentele ti danno banda 3 gioni poi torna come un 56 k
    sconsiglio vivamente

  8. Se il primo hop del tracert è buono allora vai tranquillo: il tuo router e tutto il resto delle tue apparecchiature va bene. Sono loro che hanno messo troppe adsl insieme sullo stesso canale e l’hanno saturato.

    Telecozze, non avendo nessuno in ull è un opzione come un altra: va a fortuna.
    Se ti va bene funzionerà, altrimenti potrebbe andarti come l’attuale.
    Se per te avere un adsl performante è una esigenza irrinunciabile e se quindi disposto a pagare di più valuta una F5 di NGI. E’ in wholesale telecom ma, per quanto possono fare loro, la qualità è elevata.
    Filtrano occasionalmente e solo in alcune zone il p2p, senza chiudere porte, ma almeno lo dichiarano.

  9. Grazie Alberto, in effetti la tua risposta conferma le mie perplessità e pare che Tele2 nn operi in ULL presso la mia area geografica. “Sarò costretto ad avvalermi di telemagnaccia!? Sembra proprio che non abbia alternative.” La mia situazione dopo un mese non è migliorata anzi è decisamente peggiorata, la sola buona notizia è che gli operatori infostrada hanno riaperto la procedura di guasto in modo tale che possa richiedere la riduzione della bolletta. A volte faccio il ping o il tracert e noto che la lentezza si manifesta nel tratto successivo al getaway, variando dai 16 ms ai 500 o 600 (a volte anche 700) di media. Spesso in questo primo tratto si presenta la cd nota: nessuna risposta, o i classici “*”; anche quando scarico poche informazioni avverto delle interruzioni a cui seguono delle diminuzioni di velocità pari spesso alla metà di banda inizialmente disponibile fino a ridursi ad 1 KB e + di velocità. Io ho dei dubbi anche nei riguardi dei miei apparati: che si sia rotto qualcosa!? Il cavo Rj11 è inadatto!? Il modem s’è sfasciato!? Bhò, troppe ipotesi, e dubito che il ping o il tracert possano fornirmi ragguagli. Io so che i router hanno delle tabelle di routing che aggiornano i percorsi attraverso i protocolli RIP o IGRP (se cisco)… dal mio getaway in poi i tempi si dilatano … ho consultato la tabella arp del mio modem e trovo dati esigui… bhò!? Il problema è voler risolvere un problema irrisolvibile. Probabilmente cambierò il mio router DTE/DCE e verificherò i riscontri… la cosa strana è che quando ho espresso l’intenzione all’operatore di acquistare un nuovo modem ho avvertito una nota di allarme in loro: hannno infiltrato qualcosa nel software del router!?!??! Altra ipotesi paranoica. Ti saluto cordialmente, Mauro. ps: il mio router è un roper flynet adsl2/2+ ethernet usb.

  10. Tele2 ha iniziato da poco la copertura in ull di alcune centrali. Non so se dove arrivi in ull fornisca delle buone linee ma so che in tutti gli altri casi (wholesale telecom) limita pesantemente il p2p e, nonostante questo la banda reale usabile è ridicolmente bassa.
    Ne ho scritto anche sul mio blog e difatti molti utenti in cerca di delucidazioni sulla qualità delle linee tele2 cercando con google arrivano da me (e poi decidono di non acquistare tele2).

    Magari poi ci sono anche alcuni utenti tele2 che hanno la fortuna di avere buone linee ma è un terno all’otto 😉

  11. Ciao Alberto volevo chiederti una cortesia: ho effettuato il test per verificare la copertura di Tele2, ma non ho ottenuto risposta effettiva, perchè appare esclusivamente la descrizione del modulo ADSL. E se dovessi avere la copertura Tele2 è una buona opzione?

    Saluti, Mauro.

  12. Fastweb è ottima in fibra (ma in provincia di FI non arriva certo in fibra), buona in ULL e pessima in wholesale quindi dipende molto da come è coperto il comune dove andrai.

    Purtroppo per te, facendo molto p2p, hai la vita difficile.
    L’upload conta nel senso che spesso le applicazioni p2p richiedono che tu condivida (upload) e danno banda in download in proporzione al tuo upload ma di solito si accontentano di meno di 200kbit quindi anche una 256kbit di upload potrebbe bastare se non devi farci altro che il p2p.

    Per capire quale adsl funzioni bene nel comune dove andrai ti conviene cercare con google frasi come adsl a “tuo comune” o simili, spulciare in tutti i forum e cercare ogni indicazione possibile di altri utenti. Vita difficile eh?

  13. ciao alberto,
    innanzitutto complimenti per la tua preparazione e simpatia.
    volevo farti una domanda:
    a causa di un trasferimento andrò ad abitare ad incisa val d’arno (prov firenze) quale connessione adsl mi consigli di scegliere tenendo conto che faccio un uso smodato del p2p?
    credo di aver capito che non conta tanto la velocità in download, bensì quella in upload.momentaneamente ho fastweb 20mega (upload 1 mega) che mi da affidabilità sufficiente per la connessione e poca affidabilità per la voce.
    visti i prezzi e le condizioni immagino di ricascare su fastweb ma nel caso che incisa val d’arno non sia coperta mi dai qualche alternativa pari prezzo e velocità?
    mi scuso in anticipo se la mia domanda risulta sciocca.

    grazie,
    Manuele

  14. La copertura Eolo è attualmente solo nel nord Italia quindi niente.
    Se fosse stato un paesino del nord non sarebbe stato un problema: con Eolo abbiamo coperto anche striminzite frazioni montane semi disabitate 😉

    L’infrastruttura è realizzata completamente con trasporto realizzato in proprio. Principalmente si tratta di ponti radio pdh, in alcuni casi si raggiunge la quadrupla ridondanza e usiamo in altri casi link in fibra ottica ma solo come backup.
    Il tutto termina alla sede di Settimo M.se dove l’interconnessione ad internet è la migliore d’Italia ed è realizzata con svariate linee in fibra ottica che vanno direttamente nel MIX

  15. Dubito che sia coperto dalle linee che suggerisci Alberto. Abito in un paese in provincia di Teramo. 8000 abitanti. Comunque posso sempre verificare, se mi indichi il test su cui effetuare il test di connettività.

    ps: Telecom ha annunicato il licenziamento di 5.000 unità…., non so se i bilanci siano in attivo, ma un’azienda che intende ristrutturarsi ha bisogno di personale. A meno che quello a disposizione non si adeguato, ma a questo punto mi porrei il problema della formazione interna…, non so cosa pensare.

  16. Telecozze non fallirà.Quantomeno a breve visto che i bilanci sono ancora in attivo.
    C’è da sperre che la direzione che prenda (com fortunatamnte sembrerebbe) si quella di scorporare la rete, far partecipare altri soggetti, e creare la nuova infrastruttura in fibra ottica fino alle case.
    Nel frattempo, a chi è messo male come te, più che sperare che tu sia coperto dalla rete Eolo di NGI in modo da renderti del tutto indipendete dai cavi telecom non saprei che altro fare.
    Se sei coperto contattami che te la vendo io: avresti un riferimento tecnico commerciale di tutto rispetto (la modestia, com diceva anche Garfield, è la migliore delle mie qualità) sai? 😉

  17. Comunque grazie per avermi risposto adesso navigo ad 1 KB (quindi le cose stanno cambiando, in peggio. Ad un certo punto scaricavo una utility a 126 bytes al secondo ed ho inziato a ridere in modo isterico), non aggiorno più nulla, ci rinuncio…. I tecnici mi hanno detto che hanno commesso l’errore allorchè hanno impostato la rete per il mio nuovo abbonamento da mini a flat e che i tempi di ripristino non sono prestabiliti. Il network è gestito in collaborazione e/o dipendenza di Telecom. Io ho chiesto se per i tempi trattasi di uno o due anni….

    Sarà brutto a dirsi ma spero che Telecom fallisca presto, che si vendano le obsolete e senescenti tecnologie di cui essa ha il monopolio e si dia accesso ai provider stranieri…, tanto i manager arricchiti alla cimoli hanno fatto fallire Alitalia, quindi presto provvederanno anche con telecom.

    Noi Italiani siamo buoni a distruggere tutto il potenziale che abbiamo, se non fosse per quei delinquenti di politici che corrompono tutto sfruttando il sacrificio e le sofferenze di molti, sarebbe un Paese meraviglioso.

  18. Mezzo scondo di latenza è scandaloso, come, d’altronde, i 2/3 k al secondo.
    Tieni presente che la latenza non te la garantisce nessuno. Neppure gli isp seri.
    La banda invece sono in molti a garantirla quindi, scegliendo un isp come telecom o libero o molti altri che non garantiscono la banda, purtroppo non si hanno armi per protestare. Ufficialmente se riecono a recapitarti una manciata di bit loro sono a posto.

  19. Perdona l’ambiguità del periodo finale: i risultati del test si riferiscono ad infostrada, mentre quelli relativi a Fast Web riguardano la verifica della copertura che tu hai suggerito… “Traccia completata” si riferisco al test di infostrada ( ho scritto di Fast Web tra le due parti).

  20. Questa è la mia situazione da 9 giorni
    (non riesco a navigare la velocità si approssima sui 2-3 KB al secondo)
    =====================================================
    PING TRACERT TEST
    eseguito il 05/06/2008 alle ore 19.12.06
    Indirizzo http://www.libero.it

    ======================PING==========================

    Esecuzione di Ping http://www.libero.it [195.210.91.83] con 32 byte di dati:

    Risposta da 195.210.91.83: byte=32 durata=498ms TTL=121

    Risposta da 195.210.91.83: byte=32 durata=461ms TTL=121

    Risposta da 195.210.91.83: byte=32 durata=478ms TTL=121

    Risposta da 195.210.91.83: byte=32 durata=468ms TTL=121

    Statistiche Ping per 195.210.91.83:

    Pacchetti: Trasmessi = 4, Ricevuti = 4,

    Persi = 0 (0% persi),

    Tempo approssimativo percorsi andata/ritorno in millisecondi:

    Minimo = 461ms, Massimo = 498ms, Medio = 476ms

    ====================TRACERT========================

    Traccia instradamento verso http://www.libero.it [195.210.91.83]

    su un massimo di 30 punti di passaggio:

    1 3 ms <1 ms <1 ms mygateway1.ar7 [192.168.1.1]

    2 * * * Richiesta scaduta.

    3 580 ms 468 ms 502 ms 151.6.72.97

    4 568 ms 529 ms 559 ms RMID [151.6.4.49]

    5 578 ms 620 ms 601 ms 151.6.4.106

    6 557 ms 561 ms 492 ms 151.6.36.26

    7 634 ms 607 ms 549 ms 192.106.7.139

    8 527 ms 515 ms 597 ms http://www.libero.it [195.210.91.83]

    Cosa sta accadendo alla rete!?!?!?!?!??! Ho fatto il test Fast Web benchè abbia constatato molti pareri negativi di persone che si sono sentite truffate in altro forum, e i dicono che dispongo di velocità si 6 Mb massima ma non mi avvisano sulla presenza della FIBRA OTTICA…

    Traccia completata.

  21. @Mauro è difficile a dirsi.

    tieni presente che tutti gli isp dipendo (chi più chi meno) da telecozze quindi devono sottostare alle pessime scelte teecnico commerciali del ex monopolista.
    Se c’è presente la fibra di fastweb è una buona scelta, anche gli isp che arrivano in fibra nelle centrali locali oprendo in ULL non sono male.
    Una scelta intressante può anche essere EOLO di NGI (sono di parte essendo diventato rivenditore) in quanto non si appoggia in nessun caso ad infrastrutture telecom.

  22. Attualmente qual è il provider onesto ed affidabile presente nel mercato adsl!? io ho problemi ad orientarmi, perchè nei vari forum e benchmark visionati ci si lamenta un po’ di tutti! Forse occorrerebbe organizzare una petizione da inoltrare al ministro delle telecomunicazioni benchè i politici abbiano indebitato il nostro paese enormemente, quindi dubito di risorse da stanziare per migliorare la connettività…, alla fine ho come la sensazione che siamo un po’ tutti raggirati da coloro che hanno il monopolio delle tecnologie : (.

  23. INFOSTRADA: CHE VERGOGNA ! ! !
    Nei primi giorni del mese di ottobre 2007 chiamavo il servizio vendite di Infostrada, facendo presente che avevo bisogno di attivare in tempi brevi un servizio ADSL. Mi veniva fornita, previa verifica dell’operatore sulla disponibilità del servizio sulla linea (risultata peraltro positiva) la possibilità di attivazione in un tempo massimo di 15 giorni(? ? ?) non essendovi mai stato attivato alcun servizio ADSL. Sulla scorta di quanto indicato, attivavo fiducioso, il servizio “Libero Mini ADSL”.
    Il servizio mi è stato attivato soltanto a febbraio, dopo circa 4 mesi e con mancanza di portante! ! !
    La segnalazione della mancanza di portante, necessaria per poter navigare, da farsi tassativamente al numero a pagamento 892.155, mi è costata 10 euro e un’altra settimana di attesa.
    Ho mandato fax di reclamo ad Infostrada tutti i giorni per quattro mesi: non si sono degnati di alcun cenno di riscontro.
    Adesso pago un servizio 4 mega(?) lo stesso prezzo di un 7 mega della concorrenza.con la velocità reale con cui navigo poco maggiore di quella del mio vecchio servizio analogico a 56 K: altro che 4 mega ! ! !
    Ho mandato una raccomandata A.R. di reclamo: non si sono degnati di alcun cenno di riscontro.
    Domani mattina inoltro la raccomandata di disdetta ! ! ! ! ! ! ! ! ! !
    Meditate prima di scegliere Infostrada ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! !

  24. Avvolte ci si riempie la bocca senza sapere un gran che di ciò che si dice, la teoria è una cosa, la realtà del mercato è un’altra. Il miglior adsl è quello che mi permette di scaricare più velocemente, chi ne ha provati diversi, dica la sua sulla effettiva qualità dei gestori provati!!!!
    Ciao a tutti

  25. Io ho tele2 e personalmente devo dire che qualche problema c’è l’ho avuto.
    Cmq è buona se non usi p2p tramite emule o zdc. Io con l’offerta tutto incluso 4 mega non ho problemi cmq guardati sempre la banda che all’inizio me la vedevo di 2 mega. In media scarico con i 100 kb/sec quando va male poi ovviamente dipende dal sito e scarico anche a 400 o 500 kb/sec

  26. Salve, l’anno scorso ho provato alice 30 di telec.italia, e cosa curiosa, mentre la adsl 2 euro l’ora funzionava perfettamente, dopo l’upgrade a 2mega non andava piu’, o meglio andava solo di notte. Di giorno scaricavo a 5/10 Kbps. Dunque con la mia cara vecchia isdn a due canali scaricavo molto più velocemente.Ho dovuto disdire tutto. Oggi vorrei provare la nuova tutto incluso o addirittura unica, ma se ho dei problemi dove vado a sbattere la testa?

  27. Vi chiedo se qualcuno ha avuto esperienza con tele 2.
    L’offerta sembra vantaggiosa, come posso fare a sapere la qualità di ricezione vocale??????

    Grazie

  28. Metti il tuo numero di telefono (o quello di un vicino di casa) nel sito dove c’è la verifica della copertura: te lo dicono direttamente loro se sei raggiunto da rete Infostrada o no.
    Ho provato ora con un numero che so non essere coperto ma sembra addormentato e non risponde. Tu prova comunque: magari a te va 😉

  29. Bravo!! Un articolo molto chiaro. Pero vorrei farti una domanda, anzi vorrei chiederti praticamente AIUTO!! Come faccio a sapere se nella mia zona l’offerta “tuttoincluso” di Infostrada offre realmente un Adsl ULL? Quindi migliore di un Adsl WS?
    P.S.: dimenticavo! la mia zone è Aversa (CE)
    Aspetto con ansia una tua risposta grazie.

  30. Non è solo BT a fornire fonia VoIP “pura”. Si fa prima a dire che, esclusa chiaramente Telecom, c’è solo Wind-Infostrada che fornisce la linea principale analogica e non in VoIP.
    Passando attraverso una ADSL per avere la fonia bisogna sottostare ai potenziali problemi della ADSL stessa.
    Oltre a questo, in realtà, la qualità della fonia VoIP dipende solo dall’hardware che l’utente finale usa (sempre che possa deciderlo) e dalle impostazioni.
    Con una discreta capacità tecnica e senza spendere tanti soldi per apparati costosi è possibile ottenere una linea VoIP indistinguibile da una analogica.
    Restano piccole differenze ma interessano solo poca gente. POS over PSTN è possibile ma un collegamento modem analogico ad “alte” velocità no.
    Io ho provato sia la classica PSTN (analogica) Telecom che la ISDN Telecom che il VoIP con più gestori. Oltre alla mia personale esperienza ho raccolto e letto anche le esperienze di molti altri: a partire da Stefano Quintarelli che è probabilmente il primo italiano ad aver effettuato la Number Portability su VoIP staccandosi da Telecom fino a persone meno “speciali”.

  31. Alberto, innanzitutto complimenti per l’articolo. C’è però una tipologia di “connessione” particolare che, secondo me, non viene citata. Riguarda il VoIP vero e proprio. Senza stare troppo sul generico, vorrei rifarmi alle linee VoIP di BT Italia (ex Albacom). Queste, a differenza delle linee in ULL, utilizzano una tratta pubblica; la prima parte della linea (dalla sede dell’azienda al “router” di raccolta del traffico voce/dati di BT) realizzata con una connessione adsl passa per internet. Ciò provoca non pochi problemi in quanto presenta un’affidabilità/qualità sicuramente più bassa rispetto all’ull, alla fonia tradizionale (analogica/isdn) ed alle connessioni WS da te citate. Cosa ne pensi a riguardo ?

Webmention

  • Breve guida per una scelta dei servizi ADSL Febbraio 26, 2007

    […] Nel caso dell’ULL il provider alternativo affitta da Telecom il doppino dell’ultimo miglio e lo collega alle proprie strutture tecniche. Nella centrale Telecom l’ISP affitta una sala chiamata OLO (Other Licensed Operator) nella quale posiziona i propri dslam collegati ai propri cavi in fibra ottica. In questo caso il gestore è quasi completamente responsabile del servizio offerto e si deve occupare della manutenzione del doppino e di ogni problema tecnico. L’ULL può essere full unbundling (fonia –o tradizionale o voip –più adsl) o shared access (solo internet e fonia telecom). L’ULL garantisce sicuramente al cliente una connessione e un servizio migliori rispetto al wholesale. Tuttavia richiede al provider alternativo un investimento iniziale maggiore per dotare la centrale delle proprie infrastrutture. Un investimento che viene ripagato e genera guadagni maggiori del wholesale solo se ci sono molti clienti. Per questo motivo l’ull è diffuso nelle città medio-grandi. Ulteriori informazioni sulla questione ull/wholesale qui. […]

  • MondoBlog Febbraio 26, 2007

    Le affordance dei motori di ricerca e la razionalità limitata dei navigatori Il documento programmatico della sicurezza E se un astronauta impazzisce? La Nasa ha un manuale segreto Lettori veri e falsi nella rete Google is evil: vende PageRank Migliori ADSL: una guida alla scelta La valutazione dei titoli in portafoglio Guida: cambiare colore all’etichette di Gmail Linux è un marchio registrato. Giusto così? [IMG Cerca articoli simili su Technorati]Italia chiama Web

  • A geek’s diary Febbraio 26, 2007

    Ecco un semplice articolo

  • Il Fornaio Febbraio 26, 2007

    post

  • Zanblog.it di Giorgio Zanetti Febbraio 26, 2007

    Free Vista Drivers Segnalazioni aggiornate sull’uscita di nuovi driver per Windows Vista [via] Migliori ADSL: una guida alla scelta Le differenze tra ADSL Wholesale e ADSL ULL [via] Firefox: 15 estensioni per lo sviluppo web Alcune le uso da tempo e ormai le ritengo indispensabili [via] Browsershots.org, testa il tuo sito con tutti i browser

  • AlBlog : Alberto Blog! Connettività , VoIP, P2P e… Febbraio 26, 2007

    (dotandosi dell’adeguato hardware) Richiedere la NP (Number Portability: portabilità del numero) Vivere felici [IMG :)] Ora i riferimenti e i dettagli per i punti sopra. L’ADSL deve necessariamenteessere di qualità elevata