Perfezioniamo l’utilizzo di iTunes su Windows con 3 fantastici plugin

iTunes è senza dubbio uno tra I player multimediali più diffusi, anche perchè molti di noi sono ormai schiavi dei loro iPod o iPhone, tuttavia non rappresenta certamente il top nella gestione dei file multimediali in quanto molto pesante e limitato sotto certi aspetti. Per trovare alcune buone idee per migliorare la gestione della vostra libreria consultate il nostro blog (link).
Oggi invece vedremo alcuni tools che ci permettono di rendere molto più funzionale il player di casa Apple!

iArt

iArt indispensabile tool che merita davvero di essere acquistato, nonstante io sia un fun dei software freeware. Esso esegue una scansione della libreria o di qualunque playlist presente in iTunes e, in modo totalmente automatico, riempe I campi mancanti delle Cover e dei Testi ricercando le informazioni sui maggiori motori di ricerca online, con discreti risultati anche per gli artisti italiani, che ahinoi non sono popolarissimi nel mondo. Il programma permette anche di distinguere in playlist I file sprovvisti di cover o testi in modo completamente automatico.

Un consiglio dell’utilizzo: non scansionate tutta la libreria insieme, specialmente se, come il sottoscritto, possedete migliaia di canzoni; dividete piuttosto la libreria in playlist per artista e sistematele singolarmente. In questo modo potrete anche mettervi facilmente al riparo da eventuali errori di ricerca.

iArt è scaricabile da qui al prezzo di 10 dollari

iart32iart3

iTuner

iTuner è innanzitutto un player che si appoggia su iTunes. Infatti da esso è possibile avviare la riproduzione audio tramite un MiniPlayer  presente nella Traybar, per nulla invasivo e leggero che permette di impostare la riproduzione casuale e di visualizzare informazioni come testo e tag. Tra le funzionalità speciali che include troviamo anzitutto la possibilità di settare diverse hotkeys per automatizzare la riproduzione audio.

Possibilità di sincronizzare qualsiasi device USB collegato al pc tramite l’apposita funzione. Selezionando la playlist d’interesse I file verrano caricati nel lettore mp3 (non iPod) ma anche periferiche di archiviazione. Funzione davvero interesante.

Il programma consente l’esportazione delle playlist, degli album e dell’artista. Per esportare una playlist che vi interesa dovete iniziare la riproduzione di una canzone al suo interno e selezionare la voce su iTuner, il procedimento vale anche per le altre due opzioni. Per quanto riguarda la codifica , sono disponibili tutti I formati dei file supportati da iTunes, mentre la tipologia delle playlist delle playlist prevede I più famosi lettori multimdiali come Winamp e WMP.

La modalità di pulizia prevede l’eliminazione delle Dead Track nella vostra libreria, dei file duplicati e delle cartelle vuote con cui è organizzata la vostra libreria. In questo modo potrete alleggerire il programma Apple eliminando il caricamento di file inutili.

iTuner è scaricabile gratuitamente da qui.

MainWindowSynchronizeDialog

SINCiTunes

L’ultima utility che oggi vi presentiamo si chiama SINCiTunes.

syncitunes

Questo programma freeware e stand-alone serve per gestire la libreria di iTunes esternamente a lettore stesso, che sappiamo è molto pesante.

Le funzioni racchiuse nel programma sono poche ma importantissime:

  • Inserimento, nella libreria di Itunes, dei file mutlimediali presenti in una cartella, senza aprire il programma. E’ possibile evitare l’inserimento dei file sprovvisti dei campi album e artista
  • Aggiornamento dei tag ID3 modificati esternamente ad iTunes, funzione utile a chi utilizza programmi diversi per organizzare I propri file multimediali
  • Eliminazione delle Dead Tracks presenti nella libreria

Infine vi ricordo che potrete trovare degli ottimi tool per sincronizzare automaticamente I vostri download con  iTunes  a questo indirizzo: Link.

Alla Prossima!

WordPress, molto più di un blog

WordPress, la famosa piattaforma utilizzata per creare e gestire facilmente il proprio blog è ormai arrivata alla versione 2.9.2 ed è in sviluppo la versione 3.0. Voglio parlarvi oggi degli svariati usi che si possono fare di questo CMS(content managing system) grazie al grande numero di plugin sviluppati e distribuiti gratuitamente:

  1. Piattaforma multi-user/community: Grazie al Plugin BuddyPress è possibile trasformare la piattaforma wordpress in una community in cui tutti gli utenti hanno privilegi abilitati per la scrittura di articoli, aggiornamenti di stato ecc…; Se vi interessa creare un multiblog, è disponibile WordPress MU… tanti blog in una sola installazione di WordPress(lo stesso wordpress.com ne è valido esempio)
  2. Forum: bbPress trasforma WordPress in un semplice e completo forum con pagine e numerosi strumenti d’amministrazione. Il punto forte di bbPress è la velocità della piattaforma garantita dagli stessi sviluppatori nella pagina ufficiale del plugin: http://bbpress.org/;
  3. Wp e-Commerce: Un vero e proprio e-commerce alla maniera di Ebay, nella pagina ufficiale del plugin vengono elencate le caratteristiche principali, tra cui la possibilità degli utenti di gestire il proprio carrello personale. Il numero dei download,  con picchi di 2600 download giornalieri, conferma l’affidabilità del plugin;
  4. News Aggregator: Un aggregatore di notizie alla maniera di digg, technorati o degli italiani oknotizie e diggita. Per crearlo basta installare sul vostro WordPress il plugin FeedWordPress.

Aggiungo infine che le possibilità di personalizzazione diventano infinite se a questi plugin ne vengono accostati altri tra quelli presenti nella directory ufficiale, libero sfogo alla fantasia, dunque: http://wordpress.org/extend/plugins/

Download Google Chrome per Linux e Mac OSX

Ieri mi è arrivata un’email da Google che mi annunciava la pubblicazione di Google Chrome per Linux e per Mac OS X.

dlpage_linuxSe siete curiosi, andate subito sulla pagina del

Ecco il testo dell’email:

La versione beta di Google Chrome per Linux è pronta! Grazie ai numerosi sviluppatori di Chromium e WebKit che hanno contribuito a rendere Google Chrome un browser stabile e veloce. Alcune statistiche interessanti direttamente dal team di Google Chrome:

60.000 righe di codice compilate per Linux
23 build per sviluppatori
2713 bug corretti per Linux
12 committer esterni e bug editor per la compilazione della base di codice di Google Chrome per Linux; 48 contributori esterni.

Interessante, no? Per il momento quello che possiamo installare è solamente una versione beta, quindi potrebbero esserci ancora bug non corretti. A quanto sembra, la versione per Mac è orrenda con un’interfaccia ereditata da Windows. Probabilmente sarà solo una questione di tempo.

Dai commenti che ho potuto leggere la sua caratteristica principale, la velocità, viene mantenuta anche sulla distribuzione per linux e mac e continua ad essere molto piu veloce di Firefox nel rendering delle pagine e nell’apertura.

Se abbinerà anche un’ottima estendibilità con i plugin si candida ad essere il numero uno nel mercato dei browser. E’ destinato a sostituire Firefox su tutte le distro. Anche se, dalle prime anteprime, la beta di Firefox 3.5 ha fornito prestazioni incoraggianti dal punto di vista della velocità. La sfida è aperta!