on ADSL

Pavia Network: ridurre il digital divide del pavese

Proseguo con l’analisi dei fornitori di connessioni senza fili.

Dopo la bacchettata di Luca Spada nel precedente articolo non sbaglio più: l’analisi ora verterà sugli WISP che usano frequenze libere. Avendo terminato quelli su frequenze licenziate (che usano il protocollo WiMax) e avendo trattato di Eolo che il più grande su frequenze libere ora passo a WISP minori.

Non cercate una logica nella mia scelta se non quella che già vi avevo accennato: parlerò prima di quelli che conosco e quindi tipicamente quelli localizzati nel nord Italia.

In particolare questa volta metto sotto la lente Pavia Network.

pavia network

Ho incrociato questo gestore perché non sono riuscito a collegare con Eolo una persona (Francesco) per via di una zona ancora coperta male (il Pavese, appunto) e quindi, aspettando un ampliamento della copertura, nel frattempo si è fatto collegare da Pavia Network.

Come opera Pavia Network?

La tipologia di collegamento di Pavia Network è più simile a quella di Eolo piuttosto che a quella degli altri operatori che ho precedentemente analizzato.

Usa quindi frequenze libere, protocollo Hiperlan2 e monta un antenna sul tetto del cliente evitando soluzioni sbrigative, ma poco affidabili, quali antenne portatili da usarsi all’interno degli appartamenti.

Pavia Network dispone di un potente anello in fibra ottica nella città di Pavia e anche questo è un buon segno.

Le premesse sembrano quindi esserci tutte per avere delle soluzioni affidabili.

Qual’è la qualità reale?

Un caso singolo non è certo significativo ma se non è isolato qualche dubbio può venire: la persona della quale vi parlato prima, Francesco, attende con ansia di essere coperta da Eolo perché si trova veramente male con Pavia Network: banda scarsa e latenza elevata.

Anche altri utenti si lamentano. Se per questo ci sono anche alcuni utenti Eolo che si lamentano ma mi colpisce che quelli insoddisfatti da Pavia Network si concentrino soprattutto relativamente lontani dalle loro BTS mentre quelli vicini spesso riscontrano un servizio che va dall’accettabile fino all’ottimo.

Se sommo il fatto che le loro BTS hanno un raggio di copertura molto limitato e che si meraviglino che altri riescano a dare connessione fino a 30 Km dalla BTS mi viene da pensare che usino degli apparati che danno il meglio di se solo a brevi distanze.

Non ci sono solo utenti insoddisfatti come Francesco e altri ma ci sono pure clienti soddisfatti quindi non fatevi prendere dal panico se è solo Pavia Network a coprirvi.

Non nascondo che la zona del pavese è a dir poco tragica per distribuire la connessione internet con tecnologia senza fili: una pianura senza il ben che minimo rialzo (anzi, ci sono avvallamenti, soprattutto lungo il Po) e una gran quantità di pioppeti molto alti. Questo rende molto difficile la propagazione del segnale e difatti anche Eolo fatica a coprire bene la zona.

A riprova di quanto affermo i famosi 30 Km di copertura massima che generalmente offre Eolo non ci sono neppure per loro nel Pavese: le ultime BTS attivate in quella zona da Eolo hanno un raggio di copertura minore.

Prezzi e copertura come sono?

I prezzi sono, molto a grandi linee, simili a quelli di NGI. La differenza fondamentale è che Pavia Network offre tagli di banda più simmetrici (banda in download poco superiore a quella in upload) e, soprattutto, con parecchio upload in più rispetto a NGI. Per alcune tipologie di utenti l’upload è molto importante e averlo ad un prezzo buono è un vantaggio non da poco.

La copertura è limitata al Pavese e, per ora, neppure tutto. Visto che si tratta di connessioni stanziali (antenna sul tetto) essere ristretti ad una sola area non da svantaggi: se sei di quella zona bene, altrimenti cerchi altri WISP

A chi è consigliato collegarsi con loro?

La loro missione è di dare una connessione in banda larga al pavese andando a coprire quelle zone non raggiunte dalla ADSL cablata quindi sicuramente chi non è coperto dal cavo è un potenziale cliente.

Come ho scritto sopra anche a chi cerca elevata banda in upload.

Visto quanto ho rilevato io suggerisco di verificare anche altri WISP che coprono la zona (ad oggi mi risulta esserci solo Eolo che però non copre perfettamente tutto il territorio) e di orientarsi su Pavia Network solo se si è molto vicini ad una loro BTS.

scrivi un commento

Commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  1. Ciao,

    Conosco perfettamente la situazione banda larga in provincia di Pavia, Io abito in Oltrepò Pavese collinare, in zona, alcuni paesi sono coperti da Alice ADD (una tragedia), altre zone da Linkem con Hyperlan (una tragedia al quadrato).

    Altri wisp, sono più o meno presenti, ma con copertura limitata.
    Anche NGI, aveva palesato interesse ad estendere la copretura in zona ed erano già stati fatti anche sopralluoghi, ma poi non si è saputo più nulla.

    Tu come installatore/partner hai per caso qualche news?

    Grazie

  2. Ciao,

    abito in provincia di Pavia, precisamente Oltrepò Pavese collinare conosco molto bene la situazione della nostra provincia in termini di copertura ADSL.
    NGI, tempo fa considerava la copertura del nostro territorio prioritaria, erano stati effettuati anche sopralluoghi per identificare i siti per le installazioni, temo però che si sia tutto fermo.

    Io spero di no, tu come installatore/partner hai per caso qualche news?

    Marco