Condividere screenshot: 3 servizi per farlo al meglio

Share1may20082

Quando si pensa alla “condivisione” la prima cosa che gli viene in mente è sicuramente il Link. Ricerche recenti riportano che su Twitter l’80% dei messaggi inviati contendo un link a siti, blog, articoli e via dicendo. Tuttavia non è questo il solo modo di condividere le proprie passioni, o la propria conoscenza di tali argomenti, specialmente alcuni, come dimostrano applicazioni come Instagram che vengono utilizzati anche da fotografi e designer per socializzare maggiormente con il loro pubblico.

Un buon metodo per dimostrare il vostro lavoro e prendere contatti con chi vi segue è la condivisione delle immagini. Noi tutti conosciamo Flickr o Picasa nelle loro versioni gratuite, caricare i propri screenshot può rendere chiara la nostra attività digitale:

mostrare il nostro ambiente di lavoro e talvolta incuriosire nuovi utenti che vagano casualmente nella rete alla ricerca di immagini accattivanti; se poi avete raggiunto un po’ di successo all’interno della vostra nicchia, sarà un piacere svelare un po’ di “dietro le quinte” a chi vi segue giorno per giorno.

Volendo condividere all’interno dei network destinati alla vostra utenza è probabile che preferiate mantenervi nell’ambito delle applicazioni online. Infatti questo tipo di strumenti richiedono poca esperienza, hanno funzioni mirate e senza fronzoli che possono rendere più facile perdersi in in. Inoltre, le soluzioni software che interessano questo tipo di attività, spesso sono accompagnate nel loro funzionamento da un partner online, che permette di organizzare la condivisione e l’attività di chi le utilizza.

Per questo motivoti noi di Dynamick abbiamo selezionato i migliori tool disponibili nel tentativo di dare una marcia in più alla vostra attività online.

Scrnshots.com

Schermata 2011 09 10 a 23 49 58

E’ una community porprio dedicata alla condivisione dei propri screenshot. Essa permette di  caricare, votare e commentare le immagini caricate dagli utenti registrati. Per ogni singola immagine vengono autogenerati i codici che permettono di includerla all’interno del vostro sito o blog. Inoltre viene reso disponibile un indirisso RSS per essere seguiti nella condivisione oltre che ad un Widget per blog da integrare nel vostro Layout.

Questa comunità oltre ad essere un’opportunità per aumentare la propria popolarità online,  rappresenta sicuramente anche un modo per reperire contenuti Creative Commons da aggiungere ai propri post, anteprime di applicazioni per Mac o OS e anche alcune infografiche.

Un punto a sfavore è sicuramente l’impossibilità di condividere direttamente i contenuti su i social network, potremmo comunque pensare di sfruttare l’indirizzoRSS autogenerato come avevamo spiegato qui.

Schermata 2011 09 10 a 23 50 09

Il patner software che completa il servizio è disponibile sia per Windows (in tutte le sue versioni più recenti) che per OS X, anche se ancora in beta.

Entrambe le versioni comprendono:

  • Screeshot completi e a porzioni di schermo in stile Mac
  • Tagging rapido delle immagini con autocompletamento
  • Upload

Le API open source del servizio hanno anche permesso lo sviluppo di applicativi come Shut, per Windows, al cui interno è presente un piccolo editor per gli screenshot. Esiste inoltre per Mac, uno Applescript che caricherà sul vostro account tutti le immagini presenti in una cartella.

CloudApp

Schermata 2011 09 10 a 23 49 12

E’ un servizio molto completo, che non si limita all’hosting online delle sole immagini, ma di qualunque tipologia di contenuto multimediale, oltre che link e testi. Nella versione gratuita permette un massimo di 10 caricamenti al giorno, per un totale di 25MB. Ad ogni screenshot viene associato un url privato o pubblico a seconda delle nostre esigenze. Nella versione pro è anche possibile personalizzare questo indirizzo.

La Web App che offre due client desktop ufficiali:

Screenshot 10 07 2011 11 07 13

Screenshot 10 07 2011 11 07 06Screenshot 10 07 2011 11 07 00

La versione per OS X, Cloud, è una semplice utility che si posiziona nella nostra barra delle applicacaizoni. Tra le funzionalità permette di caricare automaticamente gli screenshot presi con il sistema di default di OS X. Anche la vostra clipboard può essere facilmente caricata attraverso una scorciatoia da tastiera del tutto personalizzabile.

Si interfaccia anche con altre applicazioni già presenti nel sistema come iTunes e Safari tramite i Raindrops, plugin, per sfruttare le altre funzioni della Web App che prima vi spiegavamo. Rimanendo a tema, con una scorciatoia è possibile caricare fotografie direttamente da iPhoto, photoshop o dal Finder.

Possiamo creare i nostri plugin seguendo queste informazioni.

FluffyApp

FluffyApp è invece la versione per Windows di questo client. Aggiunge la possibilità di effettuare gli screenshot di porzioni di schermo esattamente come su Mac rimanendo nascosta nella Tray Icon Bar. Anche questo software si integra con alcune applicazioni funzionanti su Windows come Photoshop.

FluffyApp 01

FluffyApp 02

Entrambe le App copiano automaticamente l’indirizzo del file caricato nella Clipboard così da poterlo facilmente condividere.

Conclusioni

La condivisione è al centro di ogni attività di blogging. Siamo persone e perciò  tendiamo a fidelizzare i rapporti con i nostri blog preferiti, per questo, se qualcuno che conosciamo bene per il suo lavoro ci da un consiglio o un suggerimento tendiamo ad ascoltarlo. Bloggare è questo, se ci dimostriamo solidali con i nostri lettori poi queste persone ascolteranno le nostre idee e le nostre opinioni, apprezzeranno il nostro lavoro.

Oltre ai servizi presentati oggi non dobbiamo dimenticare l’impatto che possono avere i social network in questo ambito.

  • Facebook può essere sicuramente una trampolino. Se avete un profilo pubblico o una pagina personale, tenere aggiornato un album con screenshot e immagini inerenti al vostro lavoro online può sicuramente fare la differenza. Diversamente dai servizi dedicati di cui abbiamo parlato, Facebook essendo il Social Network, può portare anche una grossa fetta di “pubblico inconsapevole” intento ad esplorare le immagini del vostro profilo.
    Non credo sia necessario appesantire la propria bacheca con applicazioni dedicate alla visualizzazione delle immagini. La struttura delle fanpage e dei profili fornisce sufficiente attenzione a questo lato della condivisione.

Un altro metodo che può favorire la condivisione delle vostre immagini è sicuramente una piattaforma di Microblogging.

  • Tumblr in primis nasce proprio con l’intento di una pubblicazione snella, di contenuti apprezzati di primo impatto e, perchè no, personali. Condividere regolarmente i wallpaper che selezionate per il vostro desktop, il layot che avete costruito con tool come Rainmeters o Geektool, aggiunge una nuova sfaccettatura alla vostra immagine di blogger.
  • Infine Twitter possiede al suo interno strumenti volti proprio alla condivisione delle immagini, sfruttarli significa cambiare il proprio metodo di condivisione e si rischia di sbagliare, magari annoiare. E’ sicuramente il più delicato dei tre strumenti, specialmente perché le immagini possono andare a perdersi in un link se la nostra utenza utilizza dispositivi mobili o client per la visualizzazione.

iOS Idea

Non poteva mancare una considerazione riguardo al sistema operativo dei nostri iDevice vista la facilità con cui è possibile “fotografare” in nostri dispositivi.

L’idea, che non è mia, nasce dal sito Firstand20.com di cui via avevo già accennato qui, dove programmatori e personaggi noti del mondo dei blog condividono la Homescreen dei loro iPhone o iPad.

Ho pensato di farlo anche io, perchè mantenere aggiornata online la mia Homescreen permette a chi mi segue di vedere anzitutto se le mie scelte in fatto di App sono coerenti con i miei articoli e magari di scoprire qualche nuova app che non ho ancora riportato in essi.

Instagram Patner: Aggiungiamo Creatività Ad Instagram

NewImage

Instagram è sicuramente uno dei fenomeni sociali del momento. Con la sua semplicità di utilizzo e la gradevolezza delle singole produzioni ha avvicinato al mondo della condivisione artistica anche molte persone che non sono fotografi per professione.
A differenza di Flickr questo servizio si è imposta dal basso, facendo della comunità il suo punto forte. Sono quindi solo gli utenti a decidere chi è bravo e chi non lo è attraverso il gradimento o il Follow, due caratteristiche che Instagram ha rubato prima a Facebook e poi a Twitter.

Che la comunità sia il punto forte lo dimostra sicuramente il recente Instameet la il gran numero di servizi che sono nati attorno a questa applicazione, che basano la loro idea proprio sulla libertà di condivisione delle foto.

Oggi noi di Dynamick vi forniremo le infomrazioni necessarie per sfruttare a pieno il servizio, iniziando come sempre da dove il servizio è nato cioè iOS.

Instagram mette a disposizione 15 filtri per abbellire le vostre fotografie stile polaroid. Spesso però vediamo diffondersi nella rete di contatti, collage di scatti e abbellimenti di vario genere.

Le tre applicazioni che andremo a presentarvi oggi, sono le più diffuse nella comunità e sicuramente protranno aiutarvi a stimolare la vostra creatività.

Diptic (1,59 €)

IMG 0620

IMG 0617IMG 0618

lo scopo di quest’applicazione è davvero molto semplice, vi permetterà infatti di creare splendidi mosaici attraverso dei template preconfezionati. Le foto potranno essere prese sia dalla vostra libreria che scattate direttamente dall’applicazione, ma ancora più interessante è la funzione che recupera i vostri scatti direttamente da Facebook o da Flickr.

L’app integra al suo interno già diversi effetti che ci permetto di agire ulteriormente sulle foto, tuttavia queste funzioni risultano secondarie rispetto allo scopo iniziale dell’applicazione.

Diptic permette di postare i vostri mosaici su Facebook, Flickr e Posterous.

Infine attraverso inApp Purchase potrete acquistare la funzione Expandable che agiungerà ulteriori personalizzazioni ai layout attraverso simpatiche contrazioni!

Labelbox (Free)

IMG 0624IMG 0625IMG 0626

E’ l’applicazione giusta per chi vuole unire le parole alla fotografia. Attraverso 8 etichette eleganti e/o spiritose potrete arricchire le vostre foto con commenti oppure utilizzare proprio le etichette per realizzare composizioni artistiche.

Per chi non trova sufficienti quelli messi a disposizione gratuitamente, l’inApp Purchase permette l’acquisto di 4 ulteriori Labels.

Labelbox si integra perfettamente con Steply, il servizio di condivisione creato da Stepcase (creatori tra le altre app anche di Darkroom Pro) che vi permetterà di postare direttamente dall’applicazione le vostre creazioni su i maggiori social network tra cui anche Tumbrl.

ComicStrip (0,79 €)

IMG 0629

IMG 0628

IMG 0630

Comic strip è un ottimo modo per condividere le proprie capacità creative. Sono molti gli utenti su Instagram che utilizzano quest’applicazione per creare strisce di fumetti, ma sono pochi quelli veramente arguti nelle loro creazioni.

La semplicità dell’app permetterà di far uscire l’umorista che c’è in voi, può tornare utile anche come alternativa più versatile a Diptpic in quanto permette di creare dei mosaici senza applicare nessun effetto fumetto. Anche quest’app si cosente la pubblicazione su Twitter e Facebook .

ScketchMee o Schetch Me! risultano essere due patner ideale per quest’applicazione, infatti trasformando le vostre foto in disegni potrete completare l’effetto comic strip che cercavate!

Non vi resta quindi che provarle! Chi vuole può trovermi su Instagram rispettiavamente come @tomma156 (@dynamick74 l’instagram di Dynamick). Alla Prossima!

50 icone gratuite sui Social Network

Sono 50 icone completamente gratuite che raffigurano i brand dei principali social network presenti su internet.

Le icone sono disponibili nelle dimensioni di 32px e di 16px e sono distribuite in formato vettoriale. Con tale formato è poi possibile ridimensionarle a qualsiasi altra grandezza per poterle adattare ai vostri design o per essere usata nelle stampe a 300dpi.

Nel pacchetto zip troverete le icone in 3 estensioni: EPS, PNG e GIF. I social network raffigurati sono:

Delicious, Flickr, Twitter, Retweet Button, Facebook, MySpace, StumbleUpon, Digg, Slash Dot, Mixx, Skype, Technorati, Reddit, FriendFeed, YouTube, LinkedIn, Newsvine, SlideShare, Google, Google Talk, Yahoo, Yahoo Buzz, Netvibes, AOL, Microsoft, MSN, Apple, MobileMe, App Store, Amazon, Last.fm, Mister Wong, Qik, Vimeo, Viddler, Virb, Tumblr, WordPress, Blogger, Posterous, Behance Network, Design Float, Deviant Art, Design Bump, Friendster, Bebo, Squidoo, Share This, RSS e Email.

FlickrDrive, gestire le fotografie di Flickr da Esplora Risorse del proprio pc

FlickrDrive crea un disco virtuale che contiene le fotografie del proprio account di Flickr. Crea l’icona di un disco su “esplora risorse” sotto la voce “computer“. Come se fosse un disco potete aprirlo e troverete le vostre foto come se fossero già sul vostro pc. Potete a questo punto aprire le foto per elaborarle, fare il copia incolla di altre foto oppure semplicemente cancellarle o creare nuove cartelle. Ad ogni operazione sul disco virtuale corrisponde un’azione sull’account Flickr.

flickr-drive-dynamick

Continua a leggere

Su Flickr le foto del nuovo anno 2008

2008 nel mondo!Cos’hanno in comune tutte queste foto? Forse i più perspicaci di voi l’avranno già capito. Sono tutte foto che ritraggono il numero "08", in onore al nuovo anno. Le due cifre appaiono a volte chiare, in altri casi sono interpretazioni più o meno fantasiose.

E’ un’iniziativa del Museo Nazionale di Liverpool che ha lanciato questa brillante idea. Ha creato per l’occasione una raccolta tematica su Flickr dove ognuno può caricare la propria foto del 2008 e un mashup di Google Maps che mostra dove sono state scattate le foto.

google maps 2008

Non mi resta che farvi gli auguri a voi e alle vostre famiglie per un buon 2008.

Eye-fi: la prima memory card wireless

Memory card wireless, scheda di memoria senza filiEye-Fi è una memory card wireless o, detta all’italiana, una scheda di memoria senza fili. Questo permette di scaricare automaticamente le fotografie dalla propria fotocamera digitale al computer di casa, senza bisogno di collegare cavi o compiere complicate procedure di trasferimento.

Vi chiederete se dentro questa piccola schedina di memoria ci sia un apparato di comunicazione Wi-Fi. Ebbene sì e penso che quest’idea cambierà il modo con cui le persone scattano, salvano e condividono le loro foto.

La memory card Eye-Fi è completa di tutto quello che serve per far sì che si connetta semplicemente alla vostra rete Wi-Fi. Il funzionamento è semplice: basta inserire la schedina all’interno della fotocamera e scattare le fotografie. Verranno memorizzate come fosse una normale scheda SD da 2GB e, indipendentemente da dove siete, cominceranno a essere scaricate in modo sicuro e privato (Static WEP 40/104/128, WPA-PSK, WPA2-PSK) non appena entrati in casa. Tutto quello che si deve fare è accendere la fotocamera.

wireless memory card - eye-fi

Le fotografie possono essere scaricate sul pc oppure inviate ai più famosi siti web per la gestione e condivisione delle foto:

Google Maps integra il supporto al GeoRSS

GeoRSS su Google Maps

Il blog ufficiale di Google Maps ha annunciato il supporto del formato GeoRSS su Google Maps. Si tratta di un formato leggero e basato su XML ideato con lo scopo di georeferenziare il contenuto dei feed RSS. Questo significa che si può dare in pasto a Google Maps il feed RSS del proprio blog opportunamente farcito di tag GeoRSS per vedere i propri articoli localizzati sulle cartine geografiche di Google Maps.

Per vedere un esempio funzionante di questa nuova caratteristica prendiamo in considerazione il mio feed Flickr:

http://api.flickr.com/services/feeds/photos_public.gne?id=97513367@N00&format=rss_200

Ora, dopo aver assegnato tramite l’interfaccia utente di Flickr una località ad una specifica foto, ecco il feed risultante:

http://api.flickr.com/services/feeds/photos_public.gne?id=97513367@N00&format=rss_200&georss=true

Basta copiare questo indirizzo sul campo di ricerca di Google Maps, ed ecco la foto essere visualizzata sulla cartina e segnalata con l’apposito marker. Fenomenale!

Nello stesso post, Google ha anche annunciato che Google Maps API supporta anche il caricamento di file KML. Questo significa che si possono caricare i file KML tipici di Google Earth direttamente sulle mappe del fratello web-based. Questa caratteristica in effetti era già presente da qualche mese, ma evidentemente è stato deciso di pubblicare la notizia ufficiale dopo un periodo di prova.

Picnik, il Web 2.0 per un fotoritocco online

Modificare le fotografie online
Ecco a voi un nuova applicazione Web 2.0. Questa volta si tratta della versione di Photoshop online, anche se non parliamo di Adobe. L’applicazione si chiama Picnik e l’azienda che l’ha prodotto è la Bitnik di Seattle.

Picnik offre tutte le funzionalità di un tradizionale software desktop per il fotoritocco. La fotografia si può importare direttamente da Flickr. Si può poi ridimensionare, ritagliare, e ruotare. Successivamente possiamo intervenire sui colori, aggiustando la saturazione, il contrasto e luminosità e la temperatura. Per non parlare del filtro sharpen e dello strumento per rimuovere gli occhi rossi. L’interfaccia è molto usabile, dotata di palette flottanti e interagisce con la rotellina del mouse per lo zoom.

Si tratta di un’ottima applicazione, dal grande impatto visivo. L’unico inconveniente è la sezione "Creative Tools" che non è ancora stata implementata. Nel suo insieme, si può dire comunque che la strada intrapresa finora, dal team di sviluppo, sia molto promettente. Ecco come gli autori si descrivono:

The Picnik team is committed to making powerful editing tools fun and easy for everyone to use.

ScrapBlog, un’ottima piattaforma per blog fotografici

Piattaforma fantastica per blog fotografici
ScrapBlog è una piattaforma Web 2.0 per creare il proprio blog fotografico in pochi minuti. Pubblicare il proprio album fotografico non è mai stato così semplice e il risultato finale, come potete vedere dalla foto qui sopra, è spettacolare. Ogni scrapblog è formato da più pagine e ogni pagina può contenere più di una foto, con testi e sfondi a piacimento. Una ricca libreria di wallpaper, cornici e immagini vi permetteranno di personalizzare le pagine secondo i vostri gusti. Le fotografie sono direttamente importabili da Flickr, e quindi non c’è neppure la necessità di fare upload pesanti e lenti.

Come tutti i blog che si rispettino, anche ScrapBlog permette di commentare gli articoli (in questo caso le fotografie). Inoltre è possibile dare un giudizio sulla qualità dell’album, votandolo selezionando il numero delle stelline che si vogliono assegnare.

Scrap Blog di DynaMick

La parte dedicata alla creazione degli scrapblog viene chiamata Scrap Builder. Si tratta di un’applicazione Web 2.0 con menu a scorrimento, funzionalità drag&drop e finestre di dialogo che non ha nulla da invidiare ai tradizionali software stand-alone.

Il risultato finale è sorprendente dal punto di vista visivo ma anche dell’usabilità dell’applicazione. Inutile dire che il servizio è gratutito e che è sufficiente registrarsi. L’unico dubbio che rimane, è la scelta di utilizzare Flash che, dal punto di vista del posizionamento sui motori di ricerca, non si rivela ottimale. Nonostante questo, il mio scrap blog è già in fase di creazione….