on Google

Otto inviti per Google Wave

Finalmente venerdì gli amici di Google hanno soddisfatto il mio desiderio di provare il loro nuovo prodotto. Mi è arrivato infatti il tanto atteso invito per provare Google Wave, un’applicazione web che promette di essere la summa di molti servizi che ora si trovano frammentati.

google-wave

Immagino che già abbiate sentito parlare di Google Wave: si è fatto un gran vociferare e ora è disponibile una versione “preview” ai soli invitati. Inizialmente rilasciato ai soli sviluppatori, ora la versione “anteprima” di Google Wave è stata aperta a circa 600.000 utenti a partire dal 30 settembre 2009, con una base di 100.000 utenti, ognuno dei quali in possesso di otto inviti da diffondere ai propri amici. La deadline di pubblicazione definitiva del progetto è stimata essere nella seconda metà del 2010.

In Google Wave, gli sviluppatori hanno unito Email, Chat e Social Media in un’unico prodotto. Email perchè, come vedete dallo screenshot qui sopra, l’interfaccia sembra Gmail e i messaggi hanno tutta l’aria di essere email che, in questo caso, si chiamano wave. Ogni messaggio in risposta (chiamato blip), viene accodato al messaggio originale, così come avviene già su Gmail.

E’ una chat perchè i messaggi arrivano in tempo reale ai partecipanti alla conversazione. Possono essere messaggi testuali, ma anche documenti che vengono caricati semplicemente con il drag&drop.

E’ un social network perchè, a differenza delle email, ogni blip (messaggio) della conversazione compare sul loro Google Wave dei partecipanti senza bisogno del “rispondi a tutti”. L’aggiunta dei partecipanti viene fatta cliccando sugli avatar dei propri amici, veramente semplice.

Arrivo al dunque: ho OTTO inviti a Google Wave da distribuire a chi me lo chiederà. Scrivetemi un commentoгардероби a questo articolo e avrete il vostro invito. Vi avverto che la versione che Google ha pubblicato è solamente una “preview“, priva di molte caratteristiche che dovrà avere il prodotto finale, ma per ora, devo ammettere, è un buon inizio.

scrivi un commento

Commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

36 Commenti

  1. Salve, ho inviti per Google Wave (20), chi ne volesse uno mi contatti a infoATlaura-stitch.it. La priorità verrà data a chi ha una mail di Google. Dicasi anche che, per chi già lo utilizza, di aggiungerci come contatti reciprochi.

  2. grazie in anticipo a chi mi invierà invito a google wave…..
    chi ha ricevuto un invito e attivato un account dovrebbe poter invitare 10 persone. sbaglio?

    white.bear.on.ebay at gmail.com

  3. Quello che trovo più interessante di questo prodotto sono le funzioni collaborative. Integrato con google docs ne compensa le limitate funzioni di collaborazione. Da questo punto di vista rende ancora meno interessante la suite Microsoft Office, soprattutto in alcuni ambiti come quello scolastico dove la maggior parte delle funzioni di Microsoft Office sono inutili mentre la possibilità di collaborare è fondamentale, penso ad esempio alla possibilità di fare un insegnamento individualizzato per il recupero di singoli o gruppi attraverso google wave.

  4. Indubbiamente un servizio molto interessante, anche perchè nascendo da Google c’è da aspettarsi sia un importante sviluppo nel tempo sia un numero di utenti molto significativo… per farla breve, se c’è ancora un invito a disposizione sarei curiosissimo di poterlo provare! tnx 🙂

    • @Alberto: sei il più fortunato. Ti sei aggiudicato l’ultimo degli otto inviti che avevo a disposizione.

      @Tutti gli altri: mi spiace ragazzi, siete arrivati troppo tardi. Nel caso Google mi spedisse altri inviti, non esiterò a spedirveli!

    • @Vito: visto il numero di richieste, ti ho spedito un solo invito. Porta pazienza. Tieni presente che a tua volta, otterrai altri 8 inviti da mandare ai tuoi amici!

    • @Carlo: forse mi sono spiegato male. Google wave unisce diverse caratteristiche tutte in un solo prodotto, creandone uno nuovo. Non unisce social network già esistenti, ne crea uno tutto nuovo.

Webmention

  • Google Wave: ci sono anch’io | Alessandro Bondi Novembre 16, 2009

    […] a Michele anche io ora sono su Google […]